Un pastore africano a Somcuta Mare (Romania). © Raluca Brodner / Giornale "Lumina".

Come un somalo in Romania

Da quando è entrata nell'Unione europea, la Romania attrae immigrati da Africa, India, Afghanistan e Iraq. Originario della Somalia, Kasim voleva andare in Germania, ma dei trafficanti senza scrupoli lo hanno lasciato in uno sperduto villaggio rumeno.

Pubblicato il 14 Luglio 2009 alle 15:00
Un pastore africano a Somcuta Mare (Romania). © Raluca Brodner / Giornale "Lumina".

Ha percorso migliaia di chilometri affidando la vita ai trafficanti che alcune settimane fa lo hanno trasportato dalla Somalia in Ucraina, e da lì in Romania. Kasim, 29 anni, non ha voglia di parlare del suo viaggio. Come gli altri cinquanta immigrati accolti nel centro per rifugiati di Somcuta Mare, comune a nord-ovest della Romania, sognava l’Europa Occidentale, il “paradiso” che giustifica tanti rischi. La crisi economica, la disoccupazione, la difficoltà di farsi largo in Occidente?

“Andate a stare qualche giorno in Somalia e vi accorgerete che queste cose sono delle sciocchezze in confronto”, spiega. “In Europa abbiamo almeno la possibilità di sopravvivere e a noi questo basta”.

Il miraggio dell’Occidente continua a esercitare fascino ma gli immigrati non sono al riparo dalle sorprese. La rete trafficanti aveva promesso a Kassim di portarlo in Germania in cambio di una grossa somma di denaro. Ma è finito in uno sperduto villaggio romeno, sorpreso per la poca somiglianza con l’immagine della Germania che si era fatto guardando la televisione.

“Si rivolgono a noi tutti in tedesco”, dice divertito Vasile Alb, sindaco di Somcuta Mare. “Quando vediamo un africano o un asiatico arrivare, sappiamo già che ci saluterà dicendo ‘Guten tag’ (buongiorno)”. Sulla terrazza del centro, dove la cameriera è una giovane etiope, gli abitanti del villaggio non hanno peli sulla lingua: “Prima d'oggi i neri li avevo visti solo alla televisione”, ammette il vecchio Nicolae. “All’inizio ero sospettoso. Ma ci si abitua, e poi questi africani sono buoni, lavorano e non creano problemi”.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Le cifre ufficiali parlano di 65mila nuovi immigrati in Romania, un numero in costante aumento. Questa ultima ondata di immigrati africani, indiani, afgani e iracheni è ospitata dal centro di accoglienza del comune di Somcuta Mare. Lo stato romeno assicura loro una sistemazione, cibo, abiti, ma i soldi per le piccole spese sono ottanta centesimi di euro al giorno, il prezzo di un succo di frutta. Per arrotondare svolgono piccoli lavoretti per i contadini della zona.

Dopo l’adesione della Romania all’Unione europea nel 2007 e la partenza di 3 milioni di romeni andati a lavorare in Occidente, il paese ha dovuto affrontare una penuria di manodopera. Ma la condizione di stato membro dell’Unione europea rende la Romania un paese attraente per i migranti. “All’inizio i contadini mi guardavano di traverso”, confessa Kasim. “Ma li capisco, non hanno mai visto dei neri. Adesso sono contenti quando arrivo per lavorare. Alla fine sto bene. Potrei perfino fermarmi qui”.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Abbònati!

Sullo stesso argomento