Vignetta Tensioni UE-Cina

Conflitto d’interessi

Pubblicato il 24 Marzo 2021 alle 14:55

Il 22 marzo l’Unione europea ha adottato per la prima volta “sanzioni mirate” contro la Cina per la violazione dei diritti umani, a causa della violenta repressione della minoranza uigura, etnia turcofona di religione islamica nel territorio autonomo di Xinjiang (estremo ovest della Cina).

Le sanzioni includono il congelamento dei beni finanziari e il divieto di ingresso nell’Ue per quattro funzionari cinesi, ma risparmiano il segretario del partito comunista della regione, considerato il principale artefice della repressione degli uiguri. Pechino ha risposto prendendo di mira quattro organizzazioni e dieci individui, tutti in prima linea sulla questione dello Xinjiang, tra cui cinque eurodeputati Reinhard Bütikofer, Michael Gahler, Raphaël Glucksmann, Ilhan Kyuchyuk e Miriam Lexmann.

Iscriviti alla newsletter di Voxeurop in italiano


Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento