Le condizioni dell'industria automobilistica polacca sono migliorate grazie agli incentivi offerti da alcuni governi europei agli acquirenti di auto nuove. Secondo Gazeta Wyborcza, le esportazioni di auto dalla Polonia hanno raggiunto a marzo il valore di 1,45 miliardi di euro, un netto miglioramento rispetto ai due mesi precedenti. Tra le ragioni dell'incremento ci sono i sussidi offerti da Germania, Italia e Francia a chi rottama l'auto per acquistarne una nuova. Le esportazioni verso la Germania, dove i sussidi sono più cospicui che altrove (2.500 euro per ogni veicolo rottamato), sono aumentate del 208 per cento, contro il 115 per l'Italia e il 109 per la Francia. Il quotidiano di Varsavia mette però in guardia contro eccessivi ottimismi: "Nel complesso le esportazioni automobilistiche hanno toccato 3,6 milioni di euro nel primo trimestre, il 28 per cento in meno rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso".