L’attentato contro un gruppo di turisti israeliani all’aeroporto di Burgas, nel sud del paese, ha provocato almeno 8 morti e 30 feriti, di cui alcuni in condizioni gravi. Sofia ha attribuito l’azione all’Iran. Secondo il quotidiano “la Bulgaria fa la sua spettacolare comparsa sulla carta del terrorismo internazionale”.

Cover

Terrore in Bulgaria – 24 Chasa

Secondo il memorandum siglato tra la Spagna e il Fondo europeo di stabilità finanziaria (che sovvenzionerà il piano di salvataggio del sistema bancario spagnolo) ciò che resterà dei 100 miliardi previsti per salvare le banche potrà essere utilizzato per acquistare titoli di stato. Intanto il parlamento tedesco voterà oggi sull’aiuto finanziario alla Spagna.

Cover

La Spagna potrebbe usare il denaro del bailout per acquistare debito – El País

I leader dei tre partiti della coalizione di governo si sono messi d’accordo su un piano di tagli da 11,5 miliardi di euro per il biennio 2013-2014, ma non hanno fornito dettagli. Queste misure sono richieste dalla troika Ue-Fmi-Bce, i cui rappresentanti sono attesi ad Atene la settimana prossima.

Cover

La linea di difesa di Atene – I Kathimerini

In un’intervista concessa al Daily Telegraph, il primo ministro britannico David Cameron ha dichiarato che non “vede” una fine per l’attuale programma di austerity del suo governo. Secondo Cameron la crisi dell’eurozona si trascinerà per anni danneggiando profondamente l’economia britannica e il programma di tagli alla spesa inizialmente previsto per 5 anni potrebbe durare per l’intero decennio.

Cover

Cameron: l’austerity durerà fino al 2020 – The Daily Telegraph

Secondo il tabloid britannico la Gran Bretagna, per la prima volta in quarant’anni, esporta più verso i paesi extra-Ue che all’interno dell’Unione. “Questa è una batosta per gli eurofanatici che continuano a dire che non possiamo sopravvivere senza Bruxelles, e un’ottima notizia per la crociata del Daily Express per l’abbandono dell’Ue”.

Cover

La prova che non abbiamo bisogno dell’Ue – Daily Express

Mercoledì il più alto tribunale tedesco ha deciso che i sussidi per i richiedenti asilo, immutati dal 1993, devono essere equiparati alla somma che ricevono i cittadini tedeschi, ovvero 374 euro. Secondo la corte, i 224 euro pagati attualmente non sono compatibili con “un’esistenza rispettosa della minima dignità umana”. Nel 1993 Berlino aveva ridotto l’aiuto ai richiedenti asilo del 15 per cento per evitare un “effetto attrazione”.

Cover

Karlsruhe ricorda che anche i richiedenti asilo sono esseri umani – Die Tageszeitung

Secondo il quotidiano economico di Düsseldorf, nel 2002 il cancelliere Gerhard Schröder ha fatto bene a non passare da un’economia industriale a un’economia dei servizi come quella della Gran Bretagna. L’industria, che impiega un tedesco su cinque, continua a crescere regolarmente. Il ministro dell’ambiente Peter Altmaier annuncerà un nuovo piano energetico in 10 punti per creare nuovi posti di lavoro dopo l’abbandono del nucleare.

Cover

Lunga vita all’industria – Handelsblatt