Rassegna Verso sudest

Depressione, sfruttamento e precariato: come stanno i giovani in Europa sud-orientale

Ogni mese, in collaborazione con Display Europe, Claudiu Pop dà uno sguardo alla stampa dell’Europa sudorientale e dei Balcani. Questo mese si parla dei problemi dei giovani di questa parte d’Europa.

Pubblicato il 30 Ottobre 2023 alle 10:08

In Grecia, la salute mentale dei giovani continua a essere un problema. iMEdD Lab, giornale investigativo di data journalism, riporta uno studio che ha coinvolto 40 scuole greche e che è giunto a 3 conclusioni sugli adolescenti:

  • Il 65% pensa che la scuola aumenti l'ansia e lo stress;
  • il 50% non sa a chi rivolgersi per risolvere problemi di salute mentale;
  • circa il 47% dichiara di non sentirsi a proprio agio nel discutere di salute mentale con gli insegnanti.

Giovani e sfruttati

Oltre ad avere a che fare con problemi di salute mentale i giovani di questa parte d'Europa, soprattutto quelli che hanno difficoltà economiche, devono affrontare condizioni di lavoro difficili. La rivista Kosovo 2.0, ha parlato con tre fattorini che si occupano di consegne di cibo, di età compresa tra i 17 e i 21 anni, che hanno raccontato che le spese mediche sono a loro carico, che lavorano otto ore al giorno senza contratto o dispositivi di protezione e il tutto per una paga deludente. Armend, uno dei giovani, racconta che lavora in questo modo da quando aveva 12 anni: nella ristorazione “rapida” e nell'edilizia. L'indagine sulla forza lavoro del 2022 mostra che "i giovani tra i 15 e i 24 anni rappresentano il 14,6 per cento della forza lavoro e la maggior parte lavora senza contratto".

Il quotidiano turco Cumhuriyet racconta la tragica morte di un operaio 22enne di una fabbrica di mattoni. Solo due giorni prima di morire il giovane ha condiviso sui social media proprio la pericolosità del macchinario che gli ha accidentalmente schiacciato una gamba, uccidendolo. Il Centro per la libertà di Stoccolma (SCF), una ong per i diritti umani fondata da giornalisti turchi in esilio, ha ripubblicato un rapporto che mostra che il numero di incidenti mortali sul lavoro in Turchia ha passato un record nel 2022 (1.843). Secondo Health and Safety Labor Watch (İSİG), la ragione di questi numerosi decessi è l'obiettivo del partito AKP di "trasformare la Turchia in una fonte di manodopera a basso costo per l'Europa".

Professore romeno: “La scuola non può fare tutto, forse niente

C’è chi vorrebbe incolpare la scuola per non aver affrontato i problemi dei bambini, ma il professore e scrittore Horia Corches, sulla rivista romena Dilema Veche, è di parere diverso. Corches ritiene che la scuola "non può fare tutto, o forse niente, se la società e la famiglia non lottano per portare avanti i veri principi e valori". In particolare, il professore rimprovera il fatto che in Romania vengono dati esempi negativi ai bambini. 


Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

L’Ue: tra proteggere e danneggiare i giovani

Una delle soluzioni ai problemi di salute mentale dei giovani è l'intelligenza artificiale. Come ha sottolineato Efi Vagena, professore di bioetica presso il Politecnico federale di Zurigo, per iMEdD Lab, gli strumenti di intelligenza artificiale possono aiutare i bambini, se sono ben regolamentati e introdotti, in un "sistema di responsabilità".

Le due caratteristiche di Vagena, tuttavia, non sono soddisfatte dalla controversa proposta del Commissario agli Affari interni dell'Unione europea, Ylva Johansson, apparentemente finalizzata a combattere gli abusi sessuali sui minori. Ma c'è un rovescio della medaglia. Secondo il giornale online greco Solomon, che si concentra su questioni di interesse pubblico e progetti investigativi, se la proposta della Johansson venisse accettata, il regolamento obbligherebbe le piattaforme sociali a spiare i sistemi dei loro utenti, comprese le chat private. La privacy dei bambini sarà quindi messa a rischio.


Leggi anche

Non l’Ucraina, ma le esportazioni della Russia stanno facendo salire il prezzo del grano

Todor Todorov | Kapital | 19 settembre | BG

La causa del prezzo del grano, troppo basso, in Bulgaria, viene dalla Russia, che inonda i mercati con grano a prezzi inferiori a quelli di mercato, mentre la domanda globale è in calo. La Russia può permettersi di farlo: i dati mostrano che ha il più grande surplus di grano prodotto al mondo. I bulgari dovrebbero quindi smettere di incolpare le esportazioni dell'Ucraina, che sono insignificanti. 

Addio armi! L’esercito romeno affronta la più grande ondata di dimissioni

Andrei Udișteanu | Recorder | 4 settembre | RO

Mentre la guerra infuria, il numero di dimissioni dall'esercito romeno è triplicato in soli tre anni, nonostante gli annunci di massicci investimenti militari, e i soldati hanno iniziato a denunciare una delle principali ragioni di questa tendenza negativa. Oltre all'insoddisfazione per gli stipendi e per il pericolo al confine con l'Ucraina, le forze armate rumene danno la colpa ad atteggiamenti obsoleti promossi dai politici e alle realtà quotidiane che il personale militare si trova ad affrontare, anche in tempo di pace, come il dover usare la forza bruta per disincastrare le vecchie attrezzature o il trasporto di fieno. 

Reportage da Odessa: gli ucraini hanno già vinto, comunque finirà la battaglia

Faruk Sehic | Oslobodenje | 9 settembre | BH

In un affascinante resoconto, lo scrittore bosniaco Faruk Sehic riflette sulle sue esperienze nell'Ucraina devastata dalla guerra, soprattutto in campo medico. Sehic sottolinea la resilienza e la determinazione degli ucraini, che mostrano un desiderio di andare avanti in Europa. Verso la fine del suo reportage, Sehic condivide questo messaggio ricevuto da un giovane ucraino di nome Oleksi: "Odessa è bellissima! Raid aerei 5 volte al giorno. Di notte razzi, droni kamikaze. Romantico".

In collaborazione con Display Europe, cofinanziato dall'Unione europea. I punti di vista e le opinioni espressi sono esclusivamente quelli dell'autore o degli autori e non riflettono necessariamente quelli dell'Ue o della Direzione Generale per le Reti di Comunicazione, i Contenuti e la Tecnologia. Né l'Unione europea né l'autorità che ha concesso il finanziamento possono essere ritenute responsabili.
ECF, Display Europe, European Union

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Abbònati!

Sullo stesso argomento