Crimini informatici

“Il Belgio indifeso di fronte agli hacker”

Pubblicato il 7 Agosto 2013 alle 09:17

Cover

Il Belgio dovrà affidarsi al Grande fratello americano per contrastare i cyberattacchi. Lo ha affermato il vice capo di stato maggiore Eddy Testelmans in un’intervista a MO, scrive Le Soir.
Il quotidiano spiega che dal 2013 i servizi segreti belgi, incapaci di bloccare un virus, hanno fatto ricorso al Cyber command, un ramo della National security agency (Nsa). L’Nsa sarebbe già intervenuta in passato per “condividere informazioni su una possibile minaccia terroristica contro il Belgio. Secondo Le Soir

Le dichiarazioni del vice capo di stato maggiore rivelano almeno una cosa: i servizi segreti belgi non sono stati capaci di cavarsela da soli contro i cyberattacchi e le minacce terroristiche.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento