“Il bus perdeva pezzi per strada”

Pubblicato il 30 Luglio 2013 alle 09:17

Secondo gli inquirenti, l’autobus precipitato in una scarpata uccidendo 38 passeggeri nei pressi di Avellino era fuori controllo e ha cominciato a perdere pezzi prima di sfondare le barriere di sicurezza.
Il 30 luglio il governo italiano ha decretato una giornata di lutto nazionale in memoria delle vittime, tra cui alcuni bambini con le loro famiglie di ritorno da una visita a Napoli.
L’indagine sulle cause dell’incidente è ancora in corso, ma intanto La Stampa parla di “un paese senza manutenzione” sottolineando che l’autobus era in servizio dal 1995. Secondo il quotidiano a questo punto è fondamentale capire “cosa sia successo per accertare precise responsabilità e per far sì che eventi del genere non si ripetano”.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento