Intervista Libertà di stampa | WikiLeaks

“Il caso di Julian Assange è un abominio giuridico”. Intervista alla moglie del cofondatore di WikiLeaks

Un tribunale britannico ha respinto l'appello del co-fondatore di WikiLeaks, Julian Assange, che si oppone alla sua estradizione negli Stati Uniti, dove rischia una condanna fino a 175 anni. Intervista a Stella Moris, ex avvocato di Assange e sua moglie, che abbiamo incontrato durante una manifestazione a Bruxelles.

Pubblicato il 28 Aprile 2022 alle 12:23

La manifestazione si è svolta place de la Monnaie, nel centro di Bruxelles, il 23 aprile. Organizzata da Free Assange Wave, con il sostegno di Don't Extradite Assange (DEA), Reporter senza frontiere e Amnesty International ha visto la partecipazione di diversi personaggi pubblici, come l'ex leader del Partito laburista britannico Jeremy Corbyn, l'ex ministro dell'interno islandese Ögmundur Jónasson, Ernest Sagaga della Federazione internazionale dei giornalisti, o l'avvocata Deepa Driver: tutti hanno parlato a sostegno della liberazione di Julian Assange e contro la sua estradizione negli Stati Uniti in nome della libertà di espressione e dello stato di diritto.

Voxeurop: Siamo nella fase finale della procedura di estradizione di Julian Assange. Quali sono i prossimi passi?

Stella Moris: Ci sono ancora alcuni appelli a nostra disposizione nel quadro del sistema britannico, dopo che la ministra dell'Interno, Priti Patel, approverà l'estradizione, se lo farà. A quel punto possiamo appellarci all'Alta Corte, e potenzialmente alla Corte Suprema. Lo scenario più probabile è che si arrivi davanti alla Corte europea dei diritti umani (Cedu), che ha il potere di emettere una decisione vincolante che bloccherà l'estradizione. Ecco perché è così importante per il continente europeo capire cosa c'è in gioco: una volta arrivato alla Cedu, il caso creerà una giurisprudenza che influenzerà la portata della libertà di stampa per i giornalisti nell'intero spazio europeo.

Stella Morris a Bruxelles, il 23 aprile 2022. | Foto: GPA

L'importanza di questo caso non potrebbe essere maggiore: è sbagliato pensare che riguardi solo Julian Assange, o Wikileaks, o gli Stati Uniti. L'accusa statunitense ha effettivamente criminalizzato l'attività giornalistica. C'è una persecuzione politica contro Julian, e in questo processo è stato stabilito un nuovo standard per cui i giornalisti di tutto il mondo sono a rischio, non solo perché potrebbero potenzialmente essere estradati negli Stati Uniti, ma perché è stato creato un nuovo standard globale.

Gli Stati Uniti sono stati a lungo un luogo di difesa della libertà di espressione, oggi stanno portando avanti uno dei più pericolosi attacchi alla libertà di parola, sia legale che politica, attraverso un caso, questo, che va oltre i loro confini e tocca le giurisdizioni straniere. I paesi stranieri ne approfitteranno e applicheranno gli stessi principi. Quindi, se si possono perseguire i giornalisti ovunque, basta un governo disposto a cooperare: ci sono un sacco di paesi che perseguitano i dissidenti e vogliono perseguire anche i giornalisti, e hanno alleati all'interno dello spazio europeo. È  drammatico per la libertà di stampa e per quello che significa in Europa.


Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta


Inoltre un caso come questo fa passare il messaggio che non solo non ci sarà mai giustizia per le vittime dei crimini commessi dagli stati, ma che chiunque agisca (in coscienza) nel denunciare i crimini di guerra sarà perseguitato e punito da chi li ha commessi. Inverte completamente i principi sui quali i paesi democratici sono costruiti.

Qual è il calendario delle prossime udienze e quali sono i prossimi passi giudiziari?

Ora siamo davvero alla fine della partita. È una questione di mesi, non di anni. Il destino di Julian sarà deciso nei prossimi mesi. Se Julian dovesse vincere questo caso, sarà grazie alla Corte europea dei diritti umani. È un caso politico, e questo significa che la comprensione del pubblico e da parte delle classi politiche di ciò che significa questo caso è fondamentale, ed è in parte il motivo per cui non vedo l'ora di viaggiare di più nel continente europeo per raccontare quello che significa, e per ricordare che Julian ha passato più di tre anni in prigione perché ha fatto il suo lavoro, e che l'estradizione corrisponde a una sentenza di morte. Non è solo il destino di Julian ad essere in gioco, parliamo del l futuro della democrazia.


“Una volta arrivato alla Corte europea dei diritti umani, il caso creerà una giurisprudenza che influenzerà la portata della libertà di stampa per i giornalisti nello spazio europeo”


Ha trovato sostegno nell'opinione pubblica e nella classe politica europea?

Sì, nei parlamenti nazionali in Francia, Germania, Regno Unito… ci sono diversi gruppi politici che mostrano un sostegno attivo, e lì il sostegno è trasversale ai partiti politici. Dove c'è mancanza di sostegno, è per ignoranza, perché gli esperti in materia, come Amnesty International e le organizzazioni per la libertà di stampa sono tutti molto chiari sul fatto che questo caso è un abominio; le forze politiche avrebbero difficoltà, messe di fronte ai fatti, a giustificare di essere contro i principi fondamentali che questo caso viola.

Ritiene che il sostegno dell'opinione pubblica sia forte come lo era prima che Julian Assange fosse confinato all'interno dell'ambasciata ecuadoriana, poi detenuto nella prigione di Belmarsh?

La manifestazione a sostegno di Assange a Bruxelles, 23 aprile 2022. | Foto: GPA

Il Regno Unito ha nascosto Julian alla vista del pubblico: non gli è stato permesso di presenziare di persona in tribunale dal gennaio 2021 (ha potuto farlo solo in video). La realtà è che nessuno, compresa la stampa, ha potuto mettersi in contatto con lui. Questo è tipico di un caso politico dove c'è un'apparente legalità, ma nel quale gli abusi si perpetuano nei dettagli: il rifiuto di permettergli di venire in tribunale, o quando era in tribunale, non gli è stato permesso di sedersi con i suoi avvocati.

Abbiamo persino discusso con le autorità britanniche per il permesso di un fotografo durante matrimonio, per lo stesso motivo. Come se avessero paura di mostrare che Julian è un essere umano. La persecuzione di Julian è ora sotto gli occhi di tutti. Una volta che le accuse sono state finalmente rese pubbliche, lo shock è stato condiviso. L'amministrazione statunitense lo accusa per la sua attività di giornalista, e questo significa che sia un precedente giuridico.


“È un caso politico, e questo significa che la comprensione del pubblico e la comprensione da parte delle classi politiche di ciò che significa questo caso è fondamentale”


Julian Assange stato in prigione per oltre tre anni, senza condanna, solo sulla base di questa, oltraggiosa, richiesta di estradizione. Il relatore speciale delle Nazioni Unite per la tortura, Nils Melzer, ha indagato sul caso di Julian e ha scritto un libro. Ha concluso che è stato sottoposto a tortura psicologica, e che i paesi coinvolti si sono impegnati in uno sforzo concertato per negargli i suoi diritti più elementari. Alcuni leak dicono che i paesi coinvolti lavoravano per la CIA nell'ambasciata ecuadoriana, intercettando incontri legali. Altri rapporti hanno rivelato che la CIA dell'allora direttore Mike Pompeo stava complottando per assassinare Julian durante la presidenza di Donald Trump. Durante questo periodo la CIA ha anche lanciato una campagna di disinformazione per ridurre il sostegno politico per Julian e WikiLeaks in preparazione dell'arresto di Julian: c'è molta confusione sul caso. Indagini come quella del relatore speciale delle Nazioni Unite sulla tortura Nils Melzer, o di Stefania Maurizi, o l'inchiesta della RAI prodotta l'anno scorso, hanno un grande impatto. La comprensione dell'opinione pubblica su ciò che è successo cresce. Questa consapevolezza deve continuare a crescere, se è abbastanza forte fermerà questa estradizione e libererà Julian.

È ottimista per quanto riguarda le prossime fasi? Se sì perché e se no, perché? Cosa ti aspetti o chiederesti ai cittadini europei in questa fase?

Devo avere fiducia. Questo caso mette alla prova la correttezza, la solidità e l'indipendenza di ogni istituzione con cui siamo entrati in contatto. Il Regno Unito ha fallito più e più volte. L'Alta Corte ha ribaltato una precedente decisione di bloccare l'estradizione dopo che il governo degli Stati Uniti è interventuto con una lettera al governo britannico, che la Corte britannica ha stupidamente accettato come una ragione per permettere l'estradizione. Questa estradizione è totalitaria fino al midollo. È un anatema contro i valori europei. L'unico finale giusto e naturale è che questa estradizione sia bloccata.


Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento