Il governo alza i limiti di velocità

Pubblicato il 30 Settembre 2011 alle 11:06

Cover

"Avanti a tutta velocità", titola il Times rivelando il piano del ministro dei trasporti britannico di aumentare il limite di velocità sulle autostrade del regno, portandolo a 80 miglia all'ora (128 chilometri orari) entro il 2013. Il governo giustifica la propria decisione con il fatto che il 49 per cento degli automobilisti ignora l'attuale limite (70 miglia all'ora, 112 chilometri orari) e che i progressi tecnologici hanno reso le automobili più sicure, "contribuendo al calo di più del 75 per cento dei morti sulle strade britanniche dal 1965". Secondo il segretario "l'aumento del limite di velocità fino a 80 miglia all'ora porterà a un risparmio di centinaia di milioni di sterline per via del minor tempo di percorrenza". Gli ambientalisti sono comprensibilimente preoccupati dalla notizia. Secondo un portavoce di Greenpeace "il ministro del petrolio saudita si fregherà le mani quando verrà a sapere delle decisione del governo. La produzione di petrolio nel Mare del Nord sta calando e dipendiamo sempre di più da regimi instabili per alimentare le nostre automobili. La decisione del segretario ai trasporti provocherà un aumento del consumo di petrolio e delle emissioni di carbonio, in un momento in cui abbiamo bisogno di ridurre entrambi".

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni un giornalismo che non si ferma ai confini

Approfitta delle offerte di abbonamento oppure dai un contributo libero per rafforzare la nostra indipendenza

Sullo stesso argomento