Il nucleare non è ancora morto

Pubblicato il 21 Giugno 2011 alle 10:31

Cover

A cento giorni dall'incidente di Fukushima, La Tribune s'interroga "sull'Europa che dice 'sì' al nucleare". Il quotidiano economico constata che "se la Germania, la Svizzera e l'Italia sono orientate verso l’abbandono del nucleare, in molti paesi è diverso”. Francia, Gran Bretagna, Finlandia, Paesi Bassi e Polonia stanno lavorando alla costruzione di nuove centrali. Tuttavia, sottolinea La Tribune, "agli occhi della popolazione la sicurezza resta il problema numero uno". I ventisette si preparano dunque a nuovi test sulle centrali, mentre il commissario all'energia Günther Oettinger ha dichiarato che "saranno necessari nuovi investimenti per modernizzare gli impianti, e sarà l'industria a doversi sobbarcare i costi".

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento