Il Seae di Ashton sospettato di favoritismo

Pubblicato il 23 Maggio 2012 alle 12:00

Secondo Rue89 l’Ufficio europeo per la lotta antifrode (Olaf) sta per aprire un’inchiesta sulle “condizioni di attribuzione da parte dell’Ue di un importante contratto in Libia a una società britannica non autorizzata a lavorare nel paese”.

La vicenda, già trattata da EUobserver, riguarda la società britannica G4S-UK, che contro ogni previsione ha ottenuto il contratto da 10 milioni di euro con il Servizio europeo di azione esterna (Seae) per proteggere alcune strutture dell’Ue in Libia. Rue89 precisa che prima d’ora G4S-UK non aveva ottenuto “alcun contratto di protezione di una delegazione europea”, contrariamente ad altre società in gara per l’appalto come l’ungherese Argus e la britannico-canadese Garda World.

Secondo il sito francese la vicenda potrebbe testimoniare un conflitto d’interessi all’interno del Seae, guidato dalla britannica Catherine Ashton: "Alcuni […] sospettano che il Regno Unito faccia un uso illecito della sua influenza all’interno del Seae per favorire le sue principali aziende militari private."

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento