La fine delle baby pensioni?

Pubblicato il 26 Maggio 2010 alle 12:22

Cover

"C’è una parola che andrebbe bandita dal dibattito sul pensionamento a 60 anni: la parola ‘tabù’”, perché assimila “coloro che difendono il progresso sociale a una tribù primitiva che danza intorno a un idolo arcaico". Mentre il governo ha avviato le trattative con i sindacati per la riforma delle pensioni, Libération commenta così le parole del ministro del lavoro Eric Woerth, secondo cui occorre “intervenire” sull’età del pensionamento, fissata nel 1983 a 60 anni. Il quotidiano di sinistra reputa che elevare questa soglia “colpirà prima di tutto gli operai e i semplici impiegati, che ancora oggi vivono meno a lungo degli altri”. Il quotidiano conservatore Le Figaro, invece, ricorda che l’età della pensione in Francia arriva molto prima che in ogni altro paese dell’Ue: in Svezia e in Germania, per esempio, è fissata a 67 anni.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento