La rete si ribella all’accordo Acta

Pubblicato il 24 Gennaio 2012 alle 12:28

Cover

Le lunghe proteste degli utenti di internet contro l'accordo Acta, che obbliga i 39 stati firmatari a perseguire attivamente la pirateria informatica, "non hanno avuto effetto", scrive Gazeta Wyborcza: Varsavia firmerà il documento in settimana. Preoccupati che l'accordo possa limitare la libertà di espressione, gli internauti e numerose organizzazioni di sostegno hanno intasato i siti governativi per giorni.

Sabato 21 gennaio il gruppo Anonymous ha lanciato un attacco contro diversi siti statali, mentre lunedì 23 gennaio un movimento chiamato "Polish Underground” si è introdotto nella pagina del primo ministro pubblicando un filmato della videoblogger Baśka, che travestita da generale Jaruzelski dichiara la legge marziale.

Gli oppositori dell'Acta accusano il governo di non aver consultato l'opinione pubblica sull'accordo, e chiedono l'istituzione di un dibattito aperto sul copyright. Il confronto è già in corso sulla stampa.

Newsletter in italiano

"Per proteggere la proprietà intellettuale l'Acta lancia una bomba atomica dagli effetti imprevedibili", avverte Gazeta Wyborcza, suggerendo che il trattato debba essere esaminato dalla Corte europea di giustizia.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di traduzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento