La Spagna apre uno spiraglio

Pubblicato il 26 Ottobre 2010 alle 11:30

Cover

“La Spagna convince l’Unione europea a riavvicinarsi a Cuba”, titola Público. Il 25 ottobre i ventisette hanno acconsentito alla ripresa del dialogo con l’Avana, sposando la proposta del nuovo ministro spagnolo degli affari esteri Trinidad Jiménez che Público definisce una “svolta diplomatica”: “L’Unione ha dato a Cuba due mesi per stabilire una normale relazione bilaterale e dimostrare trasparenza democratica”. In questo modo Catherine Ashton intende “verificare che la recente liberazione di 42 prigionieri politici sia davvero un segno d’apertura a un nuovo corso di riforme nell’isola”. A dicembre l’Unione europea prenderà in considerazione l’eventuale “normalizzazione delle relazioni”. Per il momento però la posizione comune su Cuba non è stata ritirata. Il quotidiano conservatore Abc la vede diversamente: “la Spagna non ha convinto l’Unione europea a cambiare la sua politica su Cuba”, e Bruxelles si limiterà a sondare la possibilità di modificare nei prossimi mesi la posizione comune.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento