“La stampa assassinata”

Pubblicato il 4 Novembre 2013 alle 10:07

Cover

Due giornalisti di Radio France Internationale (Rfi) sono stati rapiti e uccisi il 2 novembre a Kidal, nel nord del Mali. Claude Verlon e Ghislaine Dupont avevano appena intervistato un capo tuareg quando sono stati portati via. I loro corpi sono stati ritrovati due ore dopo fuori città.
Al di là dell’omaggio ai giornalisti, il quotidiano sottolinea che l’operazione militare condotta in Mali all’inizio dell’anno non ha affatto stabilizzato il paese:

François Hollande ha fatto bene a sradicare il terrorismo che minaccia l’intera regione e mette in pericolo i leader politici eletti. Ma i fatti di questo fine settimana dimostrano che la pacificazione è ancora lontana. Nonostante la presenza delle truppe francesi, dei soldati Onu e dei militari maliani, Kidal è ancora una zona senza legge, roccaforte della ribellione tuareg separatista e focolaio di tutte le tensioni islamiste.

Iscriviti alla newsletter di Voxeurop in italiano

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento