Le scuse di Praga ai tedeschi dei Sudeti

Pubblicato il 22 Febbraio 2013 alle 15:00

Il 21 febbraio, in un discorso pronunciato davanti al parlamento della Baviera, il primo ministro ceco Petr Nečas ha chiesto scusa per l’espulsione dei tedeschi dai Sudeti dopo il 1945”, scrive Hospodářské noviny. In Germania le sue parole hanno ricevuto un ampio plauso. Per i rappresentanti dei tedeschi dei Sudeti, il discorso è un segnale molto positivo, sottolinea [Die Zeit*](http://www.zeit.de/politik/deutschland/2013-02/necas-rede-muenchen-tschechien):

A Praga, invece, l’opposizione di sinistra e l’entourage del presidente uscente Václav Klaus hanno attaccato violentemente Nečas, accusandolo di aver “aperto la porta alle richieste di restituzione dei beni da parte dei tedeschi dei Sudeti”. A gennaio la questione dei Sudeti era stata al centro di forti polemiche in vista delle elezioni presidenziali ceche, suscitando perplessità anche in Germania e in Austria. In un commento, il quotidiano economico praghese aggiunge che

anche noi dovremmo applaudire Petr Nečas, che ha ammesso apertamente le ingiustizie del dopoguerra. Sarebbe molto meglio che affermare – in modo falso e cercando un alibi, come ha fatto il presidente Klaus – che se abbiamo ucciso, linciato e violentato tedeschi innocenti è stato solo perché avevano cominciato loro.

In Austria Die Presse interpreta diversamente le parole del primo ministro:

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Nečas esclude la possibilità di restituire i beni [ai tedeschi dei Sudeti], […] ma non è andato oltre ciò che aveva già detto nella dichiarazione tedesco-ceca del 1997.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

LIVE: raccontare la crisi dei rifugiati, sul campo

Il giornalista bielorusso Anton Trafimovitch e il greco Stavros Malichudis hanno raccontato per Voxeurop la situazione dei rifugiati in Europa e alle sue frontiere, in Grecia e Bielorussia. Una discussione sul lavoro del giornalista sul campo, in un momento in cui l’Europa fortezza si chiude ulteriormente.

Vedi l'evento >

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento