Idee “Io Sono Charlie”

L’Europa saprà essere all’altezza della mobilitazione ?

In occasione della "marcia repubblicana", che dopo gli attentati di Parigi ha riunito quasi quattro milioni di persone in Francia e diverse decine di migliaia in Europa, i manifestanti hanno ricordato che la libertà e la democrazia non sono negoziabili e che sono più forti dell'odio e del fanatismo. Adesso tocca all'Europa assumersi le proprie responsabilità e raccogliere la sfida.

Pubblicato il 12 Gennaio 2015 alle 12:45

Quello di ieri è stato un evento senza precedenti e anche – speriamo – un atto fondatore per l'Europa e la Francia. I dirigenti degli Stati dell'Ue hanno sfilato a fianco di François Hollande e del suo predecessore Nicolas Sarkozy, mostrando la loro solidarietà con la Francia dopo questi atti terroristici. Erano presenti anche molti altri capi di Stato, compresi quelli di Israele e della Palestina, e tutti i responsabili delle istituzioni europee.

L'Europa, spesso definita un solo un grande mercato, ha dimostrato di essere un po' più di questo e che deve essere molto più di questo. Di fronte alla barbarie terroristica, l'Europa si ricorda da dove viene.

Infatti la costruzione europea è stata avviata 60 anni fa per garantire la pace e la democrazia. [[Oggi l'Europa deve affrontare nuove sfide mentre vede la sua prosperità entrare in crisi]]. L'Europa – come ha sottolineato Matteo Renzi – ha una moneta ma dovrà dotarsi di nuovi strumenti comuni per garantire la propria sicurezza (servizi segreti, difesa e così via) sia alle sue porte (Ucraina, Siria, Libia, ecc.) che al suo interno. Ci vorrà probabilmente più e non meno più Europa, e questo non sarà facile.

Al tempo stesso tutti i paesi rappresentati ieri, quegli stessi che hanno lasciato la Siria sprofondare nel caos, dovranno dimostrare la loro determinazione ovunque abbia attecchito il terrorismo. Si tratta di un atto fondatore, o piuttosto rifondatore, per una Francia minata dal dubbio e dalle divisioni, prigioniera di una crisi senza fine. Anche in questo caso è di fronte al terrore e allo sbigottimento che i francesi riprendono coscienza dei valori che fanno la Francia.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

L'incredibile risonanza internazionale di questa serie di attentati ha sorpreso i francesi. Nel paese dei Lumi l'uccisione dei disegnatori di Charlie Hebdo assume un rilievo particolare, così come il successivo attentato antisemita. Quando Angela Merkel, che vede la Germania litigare sull'immigrazione, si dice impressionata dalla reazione del popolo francese, non si tratta di semplici parole di circostanza. Questo eccezionale sostegno mondiale obbliga la Francia a essere all'altezza di quello che simboleggia: una repubblica in cui le persone di tutte le religioni e di tutte le origini formano una nazione pluralista, laica, che rifiuta il razzismo e il fanatismo. Ma riuscirci è ben più complicato.

All'indomani di un fine settimana rigeneratore, il risveglio sarà duro. Le polemiche ritorneranno. Il governo, i rappresentanti locali e nazionali, i responsabili religiosi dovranno essere all'altezza delle aspettative. L'imperativo della sicurezza deve portare a soluzioni efficaci e a rifiutare le proposte demagogiche. La sinistra dovrà fare prova di pragmatismo e a respingere ogni forma di compassione gratuita. A sua volta la destra dovrà essere una forza di opposizione costruttiva ed ermetica agli eccessi estremisti. Propositi ragionevoli o solo pie illusioni? A circostanze eccezionali la risposta deve essere altrettanto eccezionale.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento