Idee 27 Voci per l’Europa | Ungheria

L’impronta di Orbán

All’avvicinarsi delle elezioni europee del 23-26 maggio abbiamo chiesto a 27 giornalisti ed editorialisti di altrettanti paesi europei di spiegare quale è la principale posta in gioco nella campagna elettorale nel loro paese. Una serie realizzata in collaborazione con 27 giornali europei, fra i quali Internazionale per l’Italia.

Pubblicato il 25 Aprile 2019 alle 08:00
Miguel Ángel García  | Budapest.

In teoria non ci sarebbe alcun motivo per cui l’Ungheria dovrebbe essere uno dei paesi cruciali alle prossime elezioni europee. La popolazione ungherese rappresenta l’1,92 per cento di quella europea, mentre il contributo economico del paese al prodotto interno lordo (pil) dell’Europa unita non supera lo 0,8 per cento. Eppure è innegabile che l’Ungheria abbia un peso ben superiore a queste cifre quando si tratta di influenzare gli orientamenti politici.

Purtroppo, però, l’unico elemento che salva l’Ungheria dall’insignificanza è il pericolo letale che si irradia dall’ex monastero carmelitano che sovrasta Budapest. È lì che Viktor Orbán ha trasferito di recente l’ufficio del primo ministro, non prima di far costruire una grande terrazza che gli consente di osservare dall’alto il maestoso (e fin troppo paziente) Danubio e il meraviglioso (e sostanzialmente asservito) parlamento.

All’interno delle mura bianche e ingannevolmente puritane del suo ufficio, in alto sopra la città, Orbán lavora per invertire il corso della storia. La sua grande idea, infatti, è resuscitare l’Europa delle nazioni del diciannovesimo e ventesimo secolo, anche se sa benissimo che quei bei tempi sono andati per sempre. Ma a Orbán non interessa. Stiamo parlando di un uomo capace di ricorrere alle peggiori figure retoriche naziste, come quella del burattinaio ebreo, abbinando il sorriso di un ungherese sopravvissuto all’Olocausto allo slogan “Non lasciate che Soros rida per ultimo!” […] Continua a leggere l’articolo su Internazionale.it

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento