Russia-Paesi Bassi

Lo “scontro di civiltà” si aggrava

Pubblicato il 10 Ottobre 2013 alle 13:25

Dopo la disputa relativa all'arresto dell'equipaggio della nave di Greenpeace Arctic Sunrise, che batte bandiera olandese, un altra "lotta di potere con in ballo l'orgoglio russo" è emersa, scrive Trouw.

Il 9 ottobre il ministro degli esteri olandese Frans Timmermans si è scusato per l'arresto dell'alto funzionario dell'ambasciata russa all'Aia Dmitri Borodin e di sua moglie per guida in stato di ebbrezza e maltrattamento di minori, avvenuto il 5 ottobre.

Secondo Trouw le scuse, arrivate in seguito alle pressioni di Mosca, sono giustificate, ma l'ipocrisia russa è deplorevole:

Nello stesso giorno in cui Mikhail Kosenko [un famoso oppositore di Putin] è stato condannato e mandato in un ospedale psichiatrico, il ministro degli esteri russo ha messo i Paesi Bassi nel mirino. Anche se l'arresto del diplomatico è stato un gesto eccessivo, la reazione russa lascia l'amaro in bocca. In materia di diritti umani la Russia non ha diritto di parlare.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

"Lo scontro latente tra la Russia autoritaria e i Paesi Bassi liberali è finalmente esploso", commenta Rzeczpospolita citando l'esperto Marcel de Haas, secondo cui era solo una questione di tempo dato che i due paesi non potrebbero essere più distanti.

I Paesi Bassi sono piccoli e dipendono dal commercio estero, per questo vanno d'accordo con tutti. La Russia, grazie al petrolio, al gas e all'esercito, si sente indipendente e vuole dimostrare di essere ancora una grande potenza.

In ragione di questo "scontro di civiltà" Rzeczpospolita dubita della visita a Mosca del re olandese Willem-Alexander e si chiede se le compagnie olandesi come Philips, Ing e Rabobank continueranno a investire nel mercato russo.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni un giornalismo che non si ferma ai confini

Approfitta delle offerte di abbonamento oppure dai un contributo libero per rafforzare la nostra indipendenza

Sullo stesso argomento