Idee 27 Voci per l’Europa | Spagna

L’oasi europeista

Il meglio che la Spagna può fare per l’Europa in questo momento è portare un po’ di sensatezza, evitare passi indietro e rafforzare l’animo degli altri europei.

Pubblicato il 16 Maggio 2019 alle 21:00
Miguel Ángel García |  Madrid.

Sappiamo bene che la Spagna è stata forgiata dall’affermazione del filosofo José Ortega y Gasset, “la Spagna è il problema, l’Europa è la soluzione”. Altrettanto vero è che i “trent’anni gloriosi” portatori di benessere e ricordati con nostalgia nel resto d’Europa, per noi sono cominciati solo dopo il ritorno alla democrazia e l’adesione all’Unione europea.

Il legame con l’Europa è così profondo che, nonostante l’europeismo spagnolo abbia comunque risentito della crisi del 2008, oggi viviamo una situazione paradossale, un capovolgimento storico: la Spagna, un tempo “luce di Trento, martello degli eretici e spada di Roma”, riserva spirituale del cattolicesimo nazionalista e illiberale di Francisco Franco, oggi è considerata la riserva spirituale dell’europeismo, l’ultimo fervente condottiero del progetto europeo.

C’è chi si è rammaricato per l’assenza dei temi europei dal dibattito per le elezioni politiche del 29 aprile, ma è anche vero che molti, fuori della Spagna, sono parecchio invidiosi del fatto che i quattro candidati alla presidenza del governo non si siano mai lasciati andare ad argomentazioni demagogiche addossando all’Europa la colpa dei mali nazionali. Leggi l’articolo intero su Internazionale.it

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento