L’Ue apre le porte

Pubblicato il 8 Giugno 2011 alle 11:29

Cover

"Alla fine Barroso l'ha detto: è fatta! Croati, sarete preso ricompensati per i vostri sforzi", esulta Jutarnji List parafrasando il presidente della Commissione europea, che ha confermato che il 10 giugno Bruxelles annuncerà la conclusione dei negoziati di adesione con Zagabria. Il primo luglio 2013 la Croazia potrà dunque diventare il ventottesimo membro dell'Ue, dopo sei lunghi anni di trattative che Barroso ha definito "esigenti ma giuste". Tuttavia Parigi e Berlino insistono nel chiedere che la Croazia sia posta sotto stretta sorveglianza fino al momento dell'effettiva adesione, soprattutto nel campo della lotta alla corruzione. Secondo il quotidiano di Zagabria la fine dei negoziati rappresenta il coronamento degli sforzi del governo, del primo ministro Jadranka Kosor e della presidenza ungherese dell'Ue, che ha spinto affinché i negoziati terminassero entro la fine del proprio mandato.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento