Vignetta Rifugiati

Il focolare

Pubblicato il 9 Settembre 2020 alle 17:46

Un incendio, la cui origine non è ancora stata identificata, ha devastato il Centro di registrazione e identificazione di Moria, sull'isola greca di Lesbo, nella notte tra l'8 e il 9 settembre, lasciando circa 12mila richiedenti asilo, tra cui più di 4.000 bambini, senza tetto. 

L'Unione europea ha accettato di finanziare il trasferimento di 400 minori non accompagnati verso la terraferma in Grecia. Progettato per ospitare 3.000 persone, e avendo accolto fino a 25mila persone in condizioni deplorevoli, il campo è visto come un simbolo del fallimento dell'Ue nel gestire il flusso di rifugiati e migranti, in particolare dal Medio Oriente.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento