Gas

Nord Stream, la lobby russo-tedesca ha vinto

Pubblicato su 6 Maggio 2011 alle 09:56

Cover

“Grande amicizia, grande gasdotto”, titola Rzeczpospolita dopo il completamento di Nord Stream, la condotta sottomarina lunga 1.224 chilometri che collega la Russia alla Germania attraverso il Baltico. Grazie a esso “Gazprom potrà aumentare le forniture di gas all’Europa del 20 per cento ed evitare snodi cruciali come Ucraina e Bielorussia”. I russi sono riusciti a convincere le maggiori compagnie tedesche (Basf ed E.on) a partecipare al progetto e a costruire una potente lobby basata sull’amicizia tra l’ex cancelliere Gerhard Schroeder (attualmente manager di Nord Stream) e Vladimir Putin. “Questa lobby si è rivelata più forte delle voci dei molti paesi Ue che si opponevano alla costruzione del gasdotto (per motivi geopolitici e ambientali), tra cui la Polonia”, commenta il quotidiano di Varsavia, secondo cui Nord Stream è “uno degli investimenti più controversi della recente storia europea”.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento