Pressione sul salario minimo

Esponenti di spicco della CDU chiedono di allentare la normativa sul salario minimo per favorire i rifugiati.

Pubblicato il 2 Ottobre 2015 alle 12:41

Allo scopo di rendere il mercato del lavoro tedesco accessibile ai rifugiati, molti dei quali sono poco o per niente qualificati, autorevoli esponenti dell'Unione Cristiano-Democratica (CDU) hanno chiesto eccezioni alla recente legge che ha introdotto nel paese un salario minimo, scrivono Martin Greive e Ulf Poschardt su Die Welt.

Il ministro-presidente della Sassonia-Anhalt, il conservatore Reiner Haseloff, ha detto al quotidiano che non si dovrebbe applicare il salario minimo a posizioni di apprendistato o da prima esperienza e che disposizioni specifiche dovrebbero facilitare l'impiego di lavoratori non qualificati.

Jens Spahn, un altro importante cristiano-democratico, ha sostenuto che i rifugiati hanno bisogno di eccezioni al salario minimo, specialmente nel settore dei servizi, e che l'industria tedesca deve aprire loro posizioni in stage e ruoli di apprendistato e di fascia bassa.

Photo: Dirk Vorderstraße/Wikimedia Commons

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento