Primo rimpatrio collettivo per l’Ue

Pubblicato il 4 Ottobre 2010 alle 11:02

Per la prima volta dalla sua creazione nel 2004 Frontex, l'agenzia europea incaricata della gestione delle frontiere esterne, ha organizzato un rimpatrio di immigrati. Il 28 settembre, secondo Le Monde "con la massima discrezione ", 56 rifugiati georgiani arrestati in Polonia, Francia, Austria e Germania sono stati imbarcati a Varsavia, sede della Frontex, su un volo con destinazione Tbilisi, capitale della Georgia.

Nel 2011 l'agenzia dovrà finanziare tra i trenta e i quaranta "voli di gruppo", con i quali gli immigrati entrati illegalmente attraverso le frontiere dell'Ue saranno rimpatriati nel loro paese d'origine. Frontex ha a disposizione per il quinquennio 2008-2013 un budget che si aggira sui 676 milioni di euro.

Secondo Le Monde queste iniziative "sono un sollievo per le capitali europee, non più costrette a 'portare il fardello' (parole del direttore aggiunto di Frontex) del fastidio e a volte del disprezzo che i rimpatri collettivi provocano nell'opinione pubblica". "Un altro vantaggio – prosegue il quotidiano – è che quando si tratta di convincere un paese a riaccogliere i propri emigranti, parlare a nome dell'Unione europea 'ha più peso' che non a titolo individuale".

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento