Attualità Il cambiamento climatico nel Sud Europa | Sicilia Abbonati/e
Vista parziale della diga di Blufi ai piedi delle Madonie, abbandonata da circa 30 anni. | Foto: Davide Mancini

Clima: metà della Sicilia rischia di diventare come la Tunisia – o come i Tropici

Se non si interviene, le anomalie pluviometriche e le infrastrutture idriche fatiscenti rimodelleranno la Sicilia. Tra siccità estrema e inondazioni improvvise, la regione del Mediterrano non è pronta ad affrontare un nuovo clima.

Pubblicato il 25 Novembre 2021 alle 13:23
Vista parziale della diga di Blufi ai piedi delle Madonie, abbandonata da circa 30 anni. | Foto: Davide Mancini
Questo articolo è riservato ai nostri membri

“Se la situazione persiste, tra qualche decennio metà della Sicilia sarà come la Tunisia. In Tunisia, però, i contadini vivono con quel clima da secoli, qui non siamo abituati". Christian Mulder, professore di Ecologia all'Università di Catania, lavora da decenni sui cambiamenti climatici nel Mediterraneo. Quando nel settembre 2021 ci siamo incontrati in Piazza dell'Università a Catania, abbiamo parlato della siccità che ogni anno si intensifica in diverse zone della Sicilia e dell'aumento significativo delle temperature. A Siracusa, a meno di 70 chilometri da Catania, la scorsa estate sono stati registrati 48,5 °C, la temperatura più alta mai registrata in Europa.


👉Tutti gli articoli dell’inchiesta


La Sicilia è al centro del riscaldamento climatico nel Mediterraneo e il 70 percento del suo territorio è a rischio di desertificazione. Tra periodi di siccità, ondate di calore sempre più intense e la crescente frequenza di fenomeni pluviometrici estremi come inondazioni improvvise che trascinano via strati di terreno fertile, l'ecosistema dell'isola sta cambiando rapidamente.

Da un lato, la Sicilia si sta tropicalizzando, permettendo l'espansione della coltivazione di frutti tropicali come il mango, l'avocado, e più recentemente il caffè. Dall'altra parte, la penuria d'acqua minaccia di rendere il territorio irreversibilmente arido. Quest'ultimo fenomeno coinvolge molte aree produttive della parte centrale e meridionale dell'isola che sono anche afflitte ogni anno da livelli di carenza idrica sempre più importanti. 


Il cambiamento climatico nel sud Europa

  1. In Spagna e in Portogallo la bolla dell’avocado mette a rischio le risorse idriche
  2. Come la coltura dell’olivo accellera la desertificazione in Spagna
  3. Clima: metà della Sicilia rischia di diventare come la Tunisia – o come i Tropici

La Sicilia, inoltre, è particolarmente esposta – con i suoi 1600 chilometri di costa – ai cosiddetti uragani mediterranei o medicane, una categoria di cicloni insoliti nel mar Mediterraneo per la loro particolare intensità. Si formano spesso nel periodo autunnale, quando le piogge iniziano a compensare le estati aride tipiche di questo clima. Questi fenomeni atmosferici estremi a cui i paesi mediterranei non sono affatto preparati accelerano il processo di desertificazione in quanto le inondazioni lavano via strati di terreno fertile che impiegano secoli a formarsi.

Segni di degrado sulla rete idrica nei pressi delle piantagioni di arance della Piana di Catania  | Foto: Davide Mancini

La parte orientale dell'isola è da sempre una zona molto fertile. Grazie alla presenza del vulcano Etna, il terreno è ricco di nutrienti e minerali e l'agricoltura è praticata da millenni. I contadini sulle pendici del vulcano beneficiano della sua altitudine di 3.300 metri, dell'acqua dei nevai e delle falde acquifere sotterranee che si ricaricano regolarmente. È qui che si trovano molte colture tropicali, i tradizionali vigneti e le piantagioni di pistacchio.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Spostandosi di qualche chilometro, però, la riserva d'acqua dell'Etna non arriva. I livelli delle falde acquifere si stanno abbassando così tanto che a volte il prezzo dell'elettricità necessaria per far funzionare le pompe dei pozzi è troppo elevato rispetto ai guadagni delle raccolte, riducendo, quindi, l'utilizzo di queste pompe.


La Sicilia è al centro del riscaldamento climatico nel Mediterraneo e il 70 percento del suo territorio è a rischio di desertificazione


Gli agricoltori della Piana di Catania stanno vivendo periodi di siccità sempre più lunghi. Ad agosto 2021, in pieno periodo di siccità e con temperature massime intorno ai 47 °C, alcuni di loro non hanno visto arrivare acqua dalla rete idrica per mesi e hanno quindi deciso di organizzarsi. In poche settimane, il Comitato spontaneo degli agricoltori della Piana di Catania ha unito 700 membri che hanno iniziato a fare pressione direttamente sulle istituzioni, senza l'appoggio dei sindacati. Teresa Cristallo e Vincenzo Nigido gestiscono insieme un'azienda agricola e sono tra i fondatori del Comitato.

"Quest'estate, chi aveva acqua nei propri serbatoi ce l'ha fatta, gli altri hanno perso interi raccolti", dice Teresa. Li ho incontrati insieme ad altri membri del Comitato: sono tutti agricoltori. In questa zona crescono le famose arance rosse siciliane le cui raccolte, però, previste per dicembre, potrebbero essere ridotte. Ad agosto, è capitato che gli aranci fossero così secchi da abortire i propri frutti o da fermarne la crescita, non permettendo al frutto di svilupparsi e rendendolo così invendibile. 

Via Etnea, il centro di Catania già colpito giorni fa da un'alluvione si sta preparando per affrontare il medicane Apollo.  | Foto: Davide Mancini

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni un giornalismo che non si ferma ai confini

Approfitta delle offerte di abbonamento oppure dai un contributo libero per rafforzare la nostra indipendenza

Sullo stesso argomento