Declassamento al divano

Pubblicato il 13 Aprile 2021 alle 11:11

“...fammi un caffè zuccherato...”

L’Unione europea ha mostrato ancora una volta le sue divisioni interne durante la visita del presidente del consiglio europeo, Charles Michel, e della presidente della commissione europea, Ursula von der Leyen, ad Ankara il 6 aprile.

Anche se l’incontro avrebbe dovuto rafforzare le relazioni, ai minimi storici da diversi anni, i commenti si sono concentrati sulla reazione infastidita di Von der Leyen, relegata su un divano di fronte al ministro degli esteri turco, mentre Charles Michel sedeva al posto d’onore alla destra del presidente turco Recep Tayyp Erdoğan. 

Volontà di quest’ultimo di umiliare i suoi ospiti? Maschilismo islamico-conservatore? Sembrerebbe, più banalmente, che la gaffe sia il risultato di un disguido interno alle istituzioni europee e della mancanza di coordinamento tra il protocollo del Consiglio, che ha gestito la visita lato Ue, e quello della Commissione.


Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta
Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni un giornalismo che non si ferma ai confini

Approfitta delle offerte di abbonamento oppure dai un contributo libero per rafforzare la nostra indipendenza

Sullo stesso argomento