Riscaldamento climatico

“Triplo salto mortale” per l’Europa a Durban

Pubblicato su 28 Novembre 2011 alle 14:57

Cover

“Lotta alle emissioni, l’Europa nell’angolo”, titola Il Sole 24 Ore mentre si apre in Sudafrica la conferenza delle Nazioni Unite sul riscaldamento climatico (Cop17). L’obiettivo del vertice è il raggiungimento di un accordo che limiti l’aumento della temperatura media di due gradi centigradi. Ma le economie emergenti come Brasile e India si sono aggiunte al fronte dei paesi industrializzati che non vogliono cominciare i negoziati prima del 2015, scatenando la rabbia degli stati minacciati dalle conseguenze del riscaldamento climatico. Secondo il quotidiano economico il vertice “non pare avere alcuna chance di partorire un trattato internazionale, legale e vincolante, per la riduzione delle emissioni-serra. Chi ha sempre remato contro, come gli Usa, avrà vita facile. Ma per l’Unione europea, si tratta di un triplo salto mortale”:

“Primo, perché sul Protocollo di Kyoto e i suoi dettami, la Ue ha costruito un mercato finanziario dei diritti a emettere Co2 che coinvolge banche e imprese in investimenti a lungo termine, che si stima nel 2011 varranno 107 miliardi di euro.

Secondo, perché il summit sudafricano potrebbe concludersi in qualcosa di più che un nulla di fatto: potrebbe sancire la morte di Kyoto, visto che Canada, Russia e Giappone hanno già detto di non voler entrare nella seconda fase che doveva cominciare nel 2013.

Terzo, perché il coraggioso impegno europeo di ridurre le emissioni del 20% entro il 2020 rischia di emarginare l’Europa (con l’eccezione dell’Australia) in una lotta che ha senso solo se planetaria. Ma che richiede anche miliardi d’investimenti pubblici che mal si accordano con il regime di rigore fiscale dei tempi moderni”.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento