Un mini accordo per placare l’Europa

Pubblicato il 26 Ottobre 2011 alle 10:40

Cover

"Una piccola intesa per l'Europa", titola il Corriere della Sera a poche ore dalla visita del primo ministro italiano Silvio Berlusconi a Bruxelles. In occasione del vertice dei leader europei, Berlusconi dovrebbe presentare il nuovo piano di riforme italiano. Negli ultimi giorni il partito del Cavaliere si è scontrato con la Lega nord (suo partner di coalizione) per raggiungere entro il 26 ottobre un accordo sulla riforma delle pensioni richiesta dall'Europa.

"Le pensioni di anzianità non sono state toccate a causa dell'opposizione del leader leghista Umberto Bossi", precisa il Corriere della sera. Tuttavia "la coalizione di governo ha raggiunto un'intesa per alzare l'età pensionabile a 67 anni". In un editoriale dai toni allarmati, il direttore del Corriere Ferruccio de Bortoli invita i politici italiani a mettere da parte le divergenze e invoca le dimissioni di Berlusconi: "L'Italia non è la Grecia. Sarà anche ingiusto, ma oggi siamo percepiti come il lato debole dell'Europa. Perché non siamo più credibili. Abbiamo annunciato per mesi provvedimenti poi smentiti o non attuati. Berlusconi dovrebbe dimettersi. La colpa di tutto questo è solo sua".

Roberto Napoletano, direttore del quotidiano economico Il Sole 24 Ore, condivide l'opinione di De Bortoli e chiede di "porre fine all'inverecondo teatrino italiano che vede un premier e il suo governo in fuga dalla responsabilità di decidere". Nonostante l'intesa sulla riforma previdenziale, il governo del Cavaliere sembra ancora parecchio traballante. Secondo La Repubblica, Berlusconi sta pensando di dimettersi a dicembre o a gennaio prossimi per anticipare le elezioni previste nel 2013, evitando così di andare alle urne con il nuovo e "svantaggioso" sistema elettorale che dovrebbe essere approvato nei prossimi mesi da un referendum popolare.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento