Un piano Marshall per i paesi in crisi

Pubblicato il 9 Agosto 2011 alle 11:35

Cover

“Un nuovo piano Marshall, che fortuna”, titola entusiasta Adevărul dopo che la Commissione europea ha accettato di ridurre il contributo per i progetti europei di sei stati in difficoltà: Grecia, Irlanda, Portogallo, Romania, Ungheria, Lettonia. A partire dal 2012, dunque, il loro apporto economico passerà dall’attuale 15 per cento del budget al 5 per cento. Secondo il commissario europeo all’agricoltura, il rumeno Dacian Cioloş, “l’ammontare dei debiti sovrani minaccia i progetti cofinanziati, perché i governi non riescono a trovare le risorse necessarie per garantire il contributo di ciascun paese. Il nuovo provvedimento della Commissione contribuirà in maniera intelligente alla riduzione del deficit e alla creazione di nuovi occupati in luogo di decretare drastici tagli al bilancio”. Secondo i calcoli di Adevărul, la decisione di Bruxelles porterà a Bucarest benefici per “oltre 700 milioni di euro”.

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di tradzuzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento