“Uno sbarramento turco a ovest della zona economica esclusiva”

Pubblicato il 30 Luglio 2013 alle 10:39

La settimana scorsa una nave da guerra proveniente dalla zona occupata di Cipro ha bloccato un’imbarcazione italiana in prossimità della zona economica esclusiva (Zee) della Repubblica di Cipro, dove sono in corso esplorazioni di gas naturale, rivela Politis.
La nave italiana Odin Finder, che doveva partecipare a un’operazione di immersione di fibre ottiche sottomarine per collegare Cipro ad altri paesi del Mediterraneo, è stata bloccata dall’imbarcazione turca e ha dovuto invertire la rotta. Nicosia ha denunciato l’azione all’ambasciata statunitense e a quella italiana.
Si tratta del terzo incidente simile nell’arco di tre mesi, nota il quotidiano. La Turchia non riconosce gli accordi frontalieri marittimi conclusi tra Cipro e i paesi vicini, e ha minacciato di mobilitare la navi da guerra se le perforazioni alla ricerca del gas dovessero sconfinare nella Zee. 

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento