Se vivete in una località dove è abbastanza semplice poter prendere un treno e non lo fate, secondo gli studi i motivi possono essere due: il costo del biglietto oppure la durata del viaggio.

Prendere un treno potrebbe semplicemente costare troppo e potrebbe richiedere troppo tempo rispetto ad altri mezzi di trasporto.

Nell’aprile di quest’anno abbiamo raccolto i prezzi relativi a 8.000 viaggi di sola andata e ai relativi tempi di percorrenza per 73 tratte ferroviarie negli Stati membri dell’Unione europea, oltre a Svizzera e Norvegia. Lo scopo? Capire dove i treni sono più veloci e biglietti più abbordabili.

Per 35 delle 73 tratte che abbiamo esaminato il treno si è rivelato più veloce dell’automobile. In linea generale, i treni sono un’opzione migliore quando si percorrono lunghe distanze, mentre l’automobile è più conveniente sulle brevi.

Per quanto riguarda il costo di biglietti c’è una grande disparità tra alcuni dei Paesi presi in esame: il biglietto del treno può essere molto caro se rapportato allo stipendio medio della popolazione. Paradossalmente i biglietti sono più cari nei Paesi con reddito medio più basso ma, naturalmente, ci sono delle eccezioni: i biglietti per le tratte che abbiamo analizzato in Germania, per esempio, sono piuttosto cari anche per chi percepisce un reddito tedesco.

Un viaggio in treno tra Madrid e Barcellona inciderà per circa il 7 per cento sul reddito di uno spagnolo medio, ma i treni tra le due città sono estremamente rapidi: risparmierete tre ore rispetto a un viaggio in automobile. Al confronto, invece, in Romania viaggiare da Bucarest a Timisoara in treno ha la stessa incidenza sul reddito, ma vi farà perdere 2 ore di tempo rispetto a un viaggio in automobile.

Tratte lunghe

Tratte medie

Tratte brevi