Addio ai visti in cambio della riammissione dei clandestini

Pubblicato il 17 Dicembre 2013 alle 14:16

Il 16 dicembre ad Ankara la commissaria Ue agli interni Cecilia Malmström e il ministro degli esteri turco Ahmet Davutoglu hanno firmato un accordo sulla riammissione dei migranti clandestini entrati nell'Unione europea attraverso la Turchia. L'accordo era una delle condizioni per la soppressione del regime dei visti per i cittadini turchi nel 2017. Secondo Radikal

è un evento che potrebbe far avanzare il processo di adesione della Turchia all'Ue. Entro quattro anni i possessori di un passaporto turco potranno viaggiare liberamente nello spazio Schengen […] se Cipro e la Grecia non metteranno il veto.
Secondo il quotidiano di Istanbul tuttavia
la riammissione dei clandestini suscita parecchie inquietudini. Anche se il numero di irregolari arrestati alla frontiera è in calo, sono molti quelli che beneficiando della soppressione dei visti per la Turchia entrano legalmente nel paese per poi tentare di passare a ovest. Il peso economico delle infrastrutture legate alla riammissione non sarà trascurabile. […] Se il processo di riammissione non sarà giudicato soddisfacente dall'Ue l'accordo non sarà ratificato. E anche se il giudizio sarà positivo tutto dipenderà comunque da un voto.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento