Vignetta Il nuovo presidente polacco

Ala destra

Pubblicato il 11 Agosto 2015 alle 08:53

Il nuovo presidente della Polonia, Andrzej Duda, ha giurato il 6 agosto, rimettendo il paese sulla rotta nazional-conservatrice imposta dai fratelli Kaczynski durante il periodo 2005-2010.

Nel suo discorso inaugurale – al quale il suo conterraneo presidente del Consiglio europeo Donald Tusk non era invitato – Duda ha dichiarato che desidera che la Polonia sia "più visibile e attiva" sulla scena internazionale. In un commento uscito su Gazeta Wyborcza ha evocato un eventuale cambiamento della Costituzione per rafforzare la sovranità nazionale. Il quotidiano di centrosinistra ha commentato scrivendo che

questa affermazione è controversa, poiché suggerisce che la Polonia sia alla ricerca di soluzioni non democratiche, o che la megalomania nazionalista e l'intolleranza sono di ritorno.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento