Appello per un’Europa dei cittadini

Pubblicato il 3 Maggio 2012 alle 13:34

La crisi che ha colpito il vecchio continente si abbatte soprattutto sui giovani, soprattutto i laureati. È a questa generazione che è rivolto l’appello per un’Europa dei cittadini lanciato dall’eurodeputato Daniel Cohn-Bendit e dal sociologo Ulrich Beck. Il testo, pubblicato da Die Zeit, Le Monde, El País e La Repubblica, è stato firmato da una sessantina di intellettuali, politici e artisti europei, tra cui il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz, Jaques Delors, i premi Nobel per la letteratura Imre Kertesz e Herta Müller, Adam Michnik e Joschka Fischer.

I firmatari dell’appello chiedono

alla Commissione europea e ai governi nazionali, al Parlamento europeo e ai Parlamenti nazionali, di creare un’Europa di cittadini con un impiego attivo e di fornire i requisiti finanziari e legali per l’Anno europeo di volontariato per tutti, come contro-modello all’Europa dall’alto, l’Europa delle élite e dei tecnocrati che ha prevalso finora. […] Lo scopo è quello di democratizzare le democrazie nazionali per ricostruire l’Europa nello spirito dello slogan kennediano: non chiedetevi che può fare per voi l’Europa, ma che cosa potete fare voi per l’Europa, facendo l’Europa!

I promotori del testo sperano che i “cittadini comuni europei agiscano insieme, spontaneamente” e considerano il loro progetto “un atto di auto-affermazione della società civile europea, un atto che può essere usato per costruire una nuova Costituzione propositiva, dal basso”.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Tra i firmatari ci sono l’ex ministro degli esteri tedesco Joschka Fischer, l’economista, sociologo ed ex direttore dalla London School of Economics Anthony Giddens e l’ex presidente della Commissione europea Jaques Delors e l'ex segretario generale del Consiglio dell’Ue ed ex alto rappresentante per la politica estera e di sicurezza comune Javier Solana.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento