Bilancio controverso per l’economia di Viktor Orbán

Pubblicato il 29 Maggio 2013 alle 13:57

Cover

Il 29 maggio 2010 Viktor Orban ha assunto l'icnarico di primo ministro. Tre anni dopo Magyar Hirlap stila un bilancio positivo della sua politica economica e ritiene che "le misure non ortodosse sono efficaci". Il quotidiano conservatore scrive che

Il governo ha ereditato un'economia in rovina, ma l'Ungheria sta costruendo un modello di successo. [...] Per evitare l'austerità ha introdotto numerose nuove tasse, soprattutto sulle multinazionali che hanno finora realizzato enormi profitti. [...] Inoltre nonostante la crisi il debito pubblico è nettamente diminuito.
Népszava denuncia invece la "folle corsa di Fidesz al potere". Il quotidiano progressista elenca le misure "della governance all'insegna dell'orbanismo", alcune delle quali sono "contrarie al programma originario di Fidesz":
Il peggioramento dei rapporti con l'Ue, l'aumento della disoccupazione [11,2 per cento della popolazione attiva], l'ingiustizia della tassa sul reddito ad aliquota unica, l'aumento dell'iva al 27 per cento (il tasso più alto dell'Ue), il taglio delle spese della sanità, le leggi anticostituzionali...

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento