Chişinău ha finalmente un presidente

Pubblicato il 16 Marzo 2012 alle 14:11

Dopo tre anni di crisi politica, i moldavi hanno finalmente un presidente: il parlamento ha eletto alla guida del paese il filoeuropeo Nicolae Timofti, presidente del Consiglio superiore della magistratura. La carica era vacante dall'aprile 2009 a causa dell'incapacità dei deputati di raggiungere un accordo sul nome da scegliere, spiega Timpul.

Secondo George Damian, editorialista del quotidiano moldavo, l'elezione di Timofti arriva in un momento cruciale, perché

non è un segreto che la Russia vuole che a Chişinău governi qualcuno pronto ad accettare la presenza di truppe russe in Transnistria […]. Una situazione che spiega tutti gli avvenimenti degli ultimi tempi in Moldavia.

Secondo Damian l'alternativa sarebbe

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

conservare l'attuale coalizione al potere [Alleanza per l'integrazione europea, Aie] puntando con decisione verso l'Ue, […] perché, malgrado tutti i suoi problemi, la Moldavia può davvero sperare in un'ingresso nell'Unione in un futuro prossimo […]. L'Unione cambia e ridiscute i propri principi ma non sparirà. E la Moldavia ha la possibilità di entrare a far parte di questa comunità di stati.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento