Rassegna Climatica

Chi sfida l’ortodossia fossile

La nostra selezione mensile di articoli e temi sull'ambiente e la crisi climatica, in collaborazione con Display Europe. Questo mese rendiamo omaggio allo scienziato del clima Saleemul Huq, morto il 29 ottobre, a un altro scienziato che ha recentemente perso il lavoro per aver cercato di ridurre l'impronta di carbonio dei suoi viaggi e a tutti i ricercatori che si ribellano all'inazione climatica.

Pubblicato il 2 Novembre 2023 alle 11:53
climatica-ploux-Voxeurop

La seconda puntata della nostra rassegna stampa arriva dopo la morte del direttore del Centro internazionale per il cambiamento climatico e lo sviluppo (ICCCAD), Saleemul Huq, lo scorso  29 ottobre. Professore in Bangladesh, uno dei Paesi più vulnerabili del mondo, Huq si è letteralmente battuto per le nazioni povere e le comunità più colpite, e questo fino alla fine della sua vita. Lo ha fatto anche partecipando a tutte le 27 conferenze sul clima delle Nazioni Unite. In una recente conversazione con gli scienziati del Climate Crisis Advisory Group, Huq ha detto: "Dobbiamo agire insieme e dare ai giovani la possibilità non solo di essere sostenitori, ma anche di agire". 

Spero che la selezione che segue serva ad avvicinarvi a questi temi e a chi ha seguito l’esempio di Huq. 

I temi più rilevanti, per noi

Un sondaggio, commissionato dal gruppo ambientalista "Pour un réveil écologique", dice che il 70 per cento dei giovani francesi tra i 18 e i 30 anni è disposto a rifiutare un'offerta di lavoro se l’azienda non dà priorità alle questioni ambientali: un aumento del 5 per cento rispetto al precedente sondaggio del marzo 2022, scrive il media francese Reporterre

Questa tendenza riflette il messaggio di Huq: un gruppo chiamato "Vous n'êtes pas seuls" ("Non siete soli") ha lanciato una campagna di sabotaggio interno alle aziende coinvolte nel mega progetto petrolifero Eacop in Africa orientale. La campagna incoraggia i dipendenti a disertare queste aziende o a sabotare dall'interno, compromettendo le operazioni delle grandi compagnie petrolifere. Sempre in Francia, Olivier Monod scrive per Libération (paywall) che l'udienza del tribunale per il gruppo "Scientifiques en rébellion" (Scienziati in rivolta), prevista per il 5 ottobre, è stata rinviata al 30 novembre per un problema procedurale. Il direttore della galleria di paleontologia del Museo di Storia Naturale di Parigi aveva sporto denuncia per un'azione nell'aprile dello scorso anno: durante la prima protesta al museo, circa 30 scienziati erano rimasti all'interno dello stabile dopo l'orario di chiusura, esponendo uno striscione con la scritta "Dire la vérité n'est pas un crime" (Dire la verità non è un crimine) e tenendo discorsi sulla biodiversità.


Sul quotidiano britannico The Guardian, Gianluca Grimalda racconta di come l'Istituto per l'economia mondiale di Kiel (Germania) lo abbia licenziato perché si è rifiutato di tornare in Germania da Bougainville, in Papua Nuova Guinea. Grimalda era sul posto da sei mesi per studiare gli impatti del cambiamento climatico, e si era impegnato a ridurre al minimo le emissioni di carbonio per il viaggio di ritorno, ma gli è stato dato un breve preavviso per tornare. Grimalda, che non vola da oltre dieci anni, ha rifiutato di prendere l’aereo e alla fine ha perso il lavoro. L'istituto di ricerca ha difeso la sua politica e ha ribadito di essere impegnato a viaggiare nel rispetto del clima.


Da leggere

Lettera aperta del movimento ecologista e dei movimenti sociali polacchi all'opposizione democratica 

Krytyka Polityczna | 23 ottobre | PL

Dopo che l'opposizione liberale ha ottenuto abbastanza voti per formare un governo di coalizione in seguito alle elezioni polacche del 15 ottobre, oltre 165 organizzazioni ambientaliste e dei movimenti  sociali hanno firmato una lettera aperta alla coalizione. Questa iniziativa vuole esprimere le speranze che depone nel futuro governo. La lettera chiede la protezione delle risorse naturali e della biodiversità per evitare una catastrofe climatica. 

Coppa del Mondo di sci a Zermatt: gli ambientalisti chiedono di vedere le autorizzazioni

Boris Busslinger | Le Temps | 20 ottobre | FR

Dopo il divieto parziale di iniziare i lavori sul ghiacciaio del Théodule, in Svizzera, gli organizzatori della Coppa del mondo di sci hanno dichiarato di essere in regola e di essere pronti a ricominciare. Tuttavia, le ong ecologiste come WWF, Pro Natura e Mountain Wilderness Schweiz, non convinte, hanno presentato una nuova richiesta alla commissione edilizia per ottenere prove. Questi gruppi ambientalisti contestano le affermazioni degli organizzatori sui lavori di costruzione della pista e affermano di voler restare vigilanti riguardo agli sviluppi futuri.

Accordo PSOE-Sumar per la riduzione dei voli nazionali: cosa sappiamo e cosa non sappiamo

Maldita | 24 ottobre | ES

In Spagna, un accordo tra i partiti politici prevede una misura per "ridurre" i voli con un'alternativa ferroviaria inferiore alle due ore e mezza. La proposta prevede un'eccezione, per i casi di collegamento con aeroporti che si collegano a rotte internazionali.

Un rapporto a lungo atteso: la Danimarca non raggiungerà gli obiettivi ambientali marini per il 2027

Jørgen Steen Nielsen | Informazione | 30 ottobre | DA

Nel 2021, il partito danese Venstre (centro-destra) e l'industria agroalimentare del paese hanno richiesto un secondo parere internazionale sulle basi scientifiche dei piani idrici e ambientali della Danimarca. Un gruppo di esperti ha ora stilato un rapporto che conferma la qualità del lavoro dei ricercatori danesi. Questo risultato mette in discussione i precedenti dubbi sulle basi scientifiche ed è importante per la politica agricola e ambientale.

Värðufell: una fonte d'acqua per il villaggio o una batteria per il parco eolico?

Sunna Ósk Logadóttir | Heimildin | 11 ottobre | IS

In Islanda, la società energetica e di servizi Orkuveita Reykjavíkha ha cancellato un briefing su una centrale elettrica prevista a Vörðufell a causa dell'opposizione della comunità locale. "Non siamo interessati se non in armonia e in collaborazione con la società", ha dichiarato Hera Grímsdóttir, direttore esecutivo dell’azienda. 

Le piattaforme petrolifere e del gas dismesse inquinano il Mare del Nord

Margaux Tjoeng e Birte Schohaus | Follow the money | 31 agosto | EN

Il Mare del Nord si trova ad affrontare una crisi nel gestire i resti dell'industria petrolifera e del gas, a causa di una carenza di capacità nei cantieri di smantellamento. Le piattaforme devono essere rimosse a causa dei rischi di inquinamento derivanti da materiali come mercurio, amianto e sostanze radioattive. Nonostante l'urgenza, le navi di grandi dimensioni non sono sufficienti per trasportare queste piattaforme e i cantieri di smantellamento specializzati hanno capacità limitate. Questo problema non è esclusivo di un solo Paese, ma riguarda tutte le nazioni del Mare del Nord. Senza una capacità sufficiente per gestire queste piattaforme, rimarranno in mare, aumentando i costi e i rischi ambientali.

In collaborazione con Display Europe, cofinanziato dall'Unione europea. I punti di vista e le opinioni espressi sono esclusivamente quelli dell'autore o degli autori e non riflettono necessariamente quelli dell'Ue o della Direzione Generale per le Reti di Comunicazione, i Contenuti e la Tecnologia. Né l'Unione europea né l'autorità che ha concesso il finanziamento possono essere ritenute responsabili.
ECF, Display Europe, European Union

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Abbònati!

Sullo stesso argomento