Analisi Embargo Ue

Come le imprese russe aggirano le sanzioni Ue con la complicità di aziende polacche

Per via delle sanzioni economiche europee contro Mosca è ormai vietato alle imprese dell'Unione europea vendere alcuni prodotti in Russia e Bielorussia. Ma l'embargo vienne aggirato molto facilmente online, rivela il giornale online polacco OKO Press.

Pubblicato il 3 Novembre 2022 alle 09:56
Questo articolo è riservato ai nostri membri

Malgrado le restrizioni legali, il commercio con la Russia continua. Nonostante le pesanti sanzioni e le pene detentive previste in caso di violazione dell'embargo dell'Ue, le imprese russe non hanno alcuna difficoltà a trovare dei partner e dei magazzini per continuare il loro commercio, paradossalmente proprio in Polonia.

Il sito di vendita online polacco Allegro.pl è molto popolare in Russia. I prodotti venduti su Allegro vengono spesso spediti nella città russa di Kaliningrad: fra questi ci sono dei beni detti "a doppio uso", ovvero concepiti per i civili, ma utilizzabili anche da militari, ragione per cui la loro vendita in Russia e in Bielorussia è ormai vietata.

Questi prodotti continuano però ad arrivare in Russia, come tanti altri di imprese occidentali, fra cui quelle che si sono ritirate dal mercato russo quando è scoppiata la guerra in Ucraina.

Sanzioni commerciali facili da aggirare

Nell'ambito delle sanzioni economiche imposte alla Russia dall'Unione europea è ormai vietato alle imprese europee venderle alcuni prodotti, come i prodotti a "doppio uso", i prodotti high-tech (fra cui i componenti elettronici e i software più sofisticati) o i prodotti di lusso (come gli orologi e i gioielli).

A causa di questi divieti molte imprese occidentali si sono ritirate dal mercato russo e bielorusso (anche la Bielorussia è stata sanzionata, ma in misura minore), e gran parte delle merci provenienti dall'Europa e dagli Stati Uniti sono ormai "ufficialmente" inaccessibili in questi due paesi.

Ma questo embargo si rivela facile da aggirare, soprattutto per le imprese russe che esercitano le loro attività – di solito dei servizi di intermediazione di consegna – non lontano dalla frontiera esterna dell'Unione europea. Una volta conclusa la transazione, il cliente che ha fatto ricorso ai servizi dell'intermediario russo comunica al venditore polacco un indirizzo in Polonia che gli è stato indicato e che di solito si trova vicino alla frontiera orientale del paese.


Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta


Di fatto si tratta dell'indirizzo di un magazzino polacco il cui proprietario lavora con gli intermediari russi. Se il bonifico del costo della transazione sul conto del venditore pone dei problemi, l'intermediario russo interviene: il cliente versa prima il denaro sul conto di quest'ultimo, dopodiché la somma viene convertita in zloty e trasferita sul conto del venditore attraverso un intermediario polacco.

Il seguito delle operazioni è semplice: il pacco viene spedito all'indirizzo polacco indicato, in seguito viene rispedito al destinatario in Russia o in Bielorussia. Nel corso della transazione il venditore polacco ignora che le sue merci sono state spedite fuori dal paese, poiché le ha spedite a un indirizzo in Polonia.

Da Allegro a Kaliningrad

Allegro non è l'unico sito di vendita i cui prodotti lasciano la Polonia per la Russia nonostante le sanzioni in vigore. Gli intermediari offrono i loro servizi a molti negozi online, in particolare Fastbox, una società con sede a Kaliningrad e specializzata nel "trasporto di merci dall'Europa": "Consegniamo ai residenti russi e della Csi [Comunità degli Stati indipendenti, formata da nove delle quindici ex repubbliche sovietiche] ogni sorta di merce proveniente dai negozi online d'Europa, degli Stati Uniti, d'Asia e dal sito polacco di aste online Allegro", si può leggere su una delle pubblicità. 

Informazioni sulla consegna di merci importate dall'UE sul portale Fastbox.

Fastbox si occupa di tutto: ha il suo magazzino in Polonia dove arrivano i pacchi, il personale cambia la confezione e l'indirizzo finale, dopodiché li spedisce in paesi a est della Polonia. I pacchi sono consegnati dal servizio postale russo, talvolta anche dalle poste polacche, attraverso il servizio internazionale di consegne espresse che copre anche i paesi della Csi ma non la Russia.

Un’offerta pensata per i polacchi, favorevole ai russi

Ma i servizi di Fastbox non si fermano qui. L'impresa gestisce anche un altro sito che assomiglia a un grande negozio online il cui motto è: "Merci dall'Europa, da Allegro.pl e da altrove – Spese di spedizione ridotte". Qui si trova di tutto, dall'elettronica europea ai pezzi di ricambio delle moto passando per i profumi o i giocattoli per bambini. Il sito web non ha nulla a che vedere con il famoso Allegro, ma gli assomiglia molto: stesso colore arancione, un nome del sito che comincia con "A", e che preferiamo non menzionare per non fargli pub…

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento