Oltre un centinaio di munumenti storici cechi sono stati posti sotto sequestro dalla giustizia. “Karlštejn e Hluboká confiscati", titola in prima pagina Lidové Noviny, sopra alla foto di alcuni dei più famosi castelli del paese. Il quotidiano rivela che fa nove mesi questi testori dell'architettura gotica e barocca figurano nel catasto "con il qualificativo poco entusiasmante di 'sotto sequestro'" a causa di "un banale conflitto" tra l’Istituto dei monumenti nazionali e una società privata a proposito della concessione dei giardini del Castello di Praga. Questo "lento e banale processo giudiziario" dura dal 2006, spiega il quotidiano. Per lo stato, il rischio non è di perdere i monumenti storici quanto piuttosto l'impossibilità per l'Istituto dei monumenti nazionali di ricevere le sovvenzioni europee. È sorprendente che la giustizia sia così lenta nel pronunciarsi su una vicenda che riguarda "lo stesso stato che l'alimenta", commenta Lidové Noviny.