Stiamo barattando libertà e privacy in cambio della sicurezza?

Un live talk Voxeurop con i giornalisti Andreas Vou (Big Techtopia) e Alexander Fanta (Netzpolitik)

Pubblicato il 28 Febbraio 2021 alle 10:39

Da quando internet è entrato a far parte delle nostre vite, e ancora di più da quando i social media sono diventati parte integrante della nostra quotidianità, forniamo a governi e aziende private (a partire dal GAFAM, acronimo che indica le 5 maggiori multinazionali occidentali) una crescente quantità di quello che oggi è diventato il bene più prezioso: i dati personali. Questi dati vengono utilizzati nell'interesse pubblico per monitorare, pianificare e prevedere le politiche pubbliche, per le imprese che vendono pubblicità che corrispondono ai nostri presunti bisogni, e in ambito di sicurezza per prevenire e monitorare malattie o disturbi.

La linea tra uso e abuso è sottile e ci sono molti esempi su come i dati possono essere trattati per scopi negativi: sorveglianza di massa, pubblicità subdola e manipolazione. Oggi diamo il benvenuto a Andreas Vou e Alexander Fanta, due giornalisti che hanno effettuato ricerche approfondite sull'influenza della cosiddetta Big Tech sulla vita pubblica e la privacy dei cittadini. Ne vogliamo parlare con loro perché siamo convinti che sia una delle questioni principali della nostra era.


Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Sullo stesso argomento