Gli elettori salvano il senato

Pubblicato il 7 Ottobre 2013 alle 13:56

Il 5 ottobre il governo irlandese ha perso di misura (51,7 per cento contro 48,3) un referendum per l’abolizione del Seanad Éireann, la camera alta del parlamento. La sorprendente sconfitta ha colpito duramente la coalizione di governo tra Fine Gael e Labour e soprattutto il primo ministro Enda Kenny, che aveva sostenuto l’abolizione della seconda camera sottolineando la possibilità di risparmiare 20 milioni l’anno. 
Il redattore politico dell’Irish Times Arthur Beesley analizza il danno politico subito dal premier e sottolinea che il referendum ha messo Kenny sulla “difensiva”. 

L’autorità del primo ministro è stata intaccata dalla fallimentare campagna per eliminare la camera alta. Ora è più facile identificarlo con la sconfitta. Come tutti i leader, Kenny ama vincere, ma questa volta ha perso malamente. Ad ogni modo, in un periodo segnato dalle difficoltà economiche, la vicenda dimostra che il popolo non è incline ad accettare l’invito populista del governo a licenziare 60 politici. 
Sull’Irish Independent l’ex politico e sostenitore della camera bassa Michael McDowell sottolinea che il risultato è “uno spartiacque nella politica irlandese”.
La grande alleanza tra società civile, politici di opposizione e altre forze (dagli storici agli imprenditori, passando per le unioni studentesche) ha dimostrato che in una repubblica la cittadinanza non può essere traviata da bugie e disinformazione. Il popolo ha parlato: vuole che il Seanad Eireann mantenga le funzioni che gli sono state assegnate da chi ha scritto la nostra costituzione nel 1937.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento