Partenariato orientale

“Gli ucraini lottano per l’Unione”

Pubblicato il 25 Novembre 2013 alle 12:08

Il 24 novembre nel centro di Kiev circa centomila manifestanti hanno chiesto al presidente Viktor Janukovič di cambiare idea e firmare un accordo di associazione con l’Ue.
La settimana scorsa il governo ucraino ha sospeso i preparativi per la firma del documento, prevista per il vertice per il Partenariato orientale in programma a Vilnius giovedì, riporta Rzeczpospolita
“Non siamo sovietici, facciamo parte dell’Unione europea”, recitavano gli striscioni dei manifestanti, che hanno spiegato a Rzeczpospolita di volere “un futuro per i loro figli anziché essere condannati alla schiavitù russa”. Secondo il quotidiano le manifestazioni di domenica sono state “un grande successo per gli oppositori di Janukovič”.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento