“I tassi d’interesse sul debito superiori al 7 per cento fanno temere un nuovo bailout”

Pubblicato il 17 Settembre 2013 alle 10:07

Cover

Il dialogo tra il governo portoghese e la troika Ue-Bce-Fmi sulle modalità di chiusura dell’attuale bailout sono cominciati il 16 settembre. Nel frattempo i segnali inviati dai mercati lasciano pensare che l’anno prossimo il paese non potrà finanziarsi a tassi sostenibili, cosa che spingerebbe Lisbona verso un secondo bailout, scrive Público.
I tassi d’interesse sui titoli di stato decennali sono rimasti vicini al record del 7,508 per cento raggiunto durante la crisi politica del luglio scorso.
Il governo portoghese vuole avere accesso alle stesse condizioni attualmente negoziate dall’Irlanda con i creditori internazionali, ed evitare un secondo bailout come quello concesso alla Grecia.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento