Trouw, 14 ottobre 2009.

Il buco nero dei fondi europei

Pubblicato il 14 Ottobre 2009 alle 13:19
Trouw, 14 ottobre 2009.

Cover

In un rapporto presentato il 13 ottobre alla Commissione europea e citato da Trouw, la Corte dei Conti europea afferma che un cospicuo numero di progetti di cooperazione nei Balcani occidentali finanziati dall’Unione Europea “non sembra avere effetti sul lungo periodo”. L’inefficacia di questi progetti, destinati in origine a sviluppare il settore della giustizia nei paesi della regione candidati all’adesione all’Ue (Bosnia-Erzegovina, Serbia, Macedonia, Albania e Montenegro) “è dovuta essenzialmente a una mancanza di impegno” da parte dei paesi coinvolti: lo spiega al quotidiano Maarten Engwirda, membro olandese della Corte. Il rapporto cita a titolo esemplificativo i computer finanziati dalla Commissione e destinati alla polizia albanese, che sarebbero rimasti “per almeno otto mesi nei rispettivi imballaggi prima di essere assegnati”. Nei prossimi giorni la Corte dovrà presentare un rapporto analogo sulla Turchia, ha spiegato ancora Erngwirda, secondo cui per i redattori è “difficile trovare le formule giuste” per spiegare come stanno le cose, poiché si tratta di una questione "estremamente sensibile”.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Abbònati!

Sullo stesso argomento