Limni. La chiesa ortodossa che sovrasta la cittadina. | Foto: Constance Decorde

Le ferite dell’isola di Eubea

Nell'agosto 2021 l'isola di Eubea è stata colpita da gravissimi incendi: oltre 50.000 ettar di terrenoi e 300 case sono stati distrutti dalle fiamme. Cinque mesi dopo, reportage fotografico su un'isola che si sta riprendendo con grande fatica.

Pubblicato il 23 Giugno 2022 alle 19:23
Limni. La chiesa ortodossa che sovrasta la cittadina. | Foto: Constance Decorde

L’isola greca di Eubea, a nord-est di Atene, è stata colpita nell'agosto 2021 da incendi che hanno distrutto più di 50.000 ettari di foresta e oltre 300 abitazioni. Gli aiuti promessi dallo stato greco (20 milioni di euro) non sono ancora arrivati, anche se gli abitanti di Eubea — raccoglitori di resina, agricoltori, apicoltori, operatori turistici — hanno perso la maggior parte del loro guadagno.

Cinque mesi dopo gli incendi i paesaggi dell’isola hanno tratti apocalittici, con conseguenze drammatiche per molti settori sono. A Limni, per esempio, dove sono scoppiati gli incendi, Chris Vassiliou ha visto il suo capannone completamente distrutto dalle fiamme; non sa ancora se l'assicurazione coprirà i danni, che stima a 200.000 euro.

Intorno alla località balneare di Agali, case, scuderie, camping e perfino intere zone boscose sono state distrutte. Per la gente del posto è una vera catastrofe, racconta George Karamitsos. L'agricoltore, che è anche presidente della cooperativa agricola e forestale di Kirinthos e dell'Eubea settentrionale, vive nel vicino paesino di Mantoudi. È  la prima volta che ritorna dall'agosto 2021.


Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta


Anche Anna vive a Mantoudi. È una contadina, coltiva cotone, pepe e mais e alleva pecore e capre, 150 delle quali sono state bruciate vive negli incendi. "Ci hanno detto che avremmo ricevuto 8.000 euro per riparare le nostre stalle.

Tutti gli articoli di questa inchiesta

Ma non è abbastanza per ricostruire tutto quello che abbiamo perso", afferma. Più a nord, verso Agia Anna, intere foreste sono bruciate e con esse è scomparsa un'intera economia: raccoglitori di resina di pino, alberghi e attività turistiche, apicoltori.

La società agricola Norman Figs, vicino a Istiaia, nell'estremo nord di Eubea, non è stata direttamente colpita dagli incendi. Tuttavia, per Katerina e la sua famiglia, l'impatto economico è significativo perché, a causa del forte caldo, hanno perso gran parte della loro produzione. Anche l’impatto morale non è da meno, poiché Katerina dice che il governo non li ha aiutati abbastanza: "I servizi di soccorso sono stati lenti. È la prima volta che mi sono sentita come se non contassi abbastanza come essere umano”.

Tutte le foto di questo reportage sono state scattate sull'isola di Eubea nel gennaio 2022.

Clicca su una foto per far partire la gallery:

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sullo stesso argomento