La fine della recessione è in vista

Pubblicato il 25 Luglio 2013 alle 12:59

Cover

“Fine della recessione in Europa”, annuncia la Berliner Zeitung riferendosi all’ultimo indice Emi dei direttori d’acquisto, un sondaggio effettuato presso tremila aziende in Germania, Francia, Italia, Spagna, Austria, Irlanda, Grecia e Paesi Bassi che permette di anticipare l’evoluzione dell’economia. 
Nel mese di giugno l’indice dell’eurozona, che prende in considerazione le produzione e gli ordini registrati, ha raggiunto i 50,4 punti contro i 45,1 del 2012. Secondo il quotidiano si tratta di un dato “sorprendente”, e “diversi fattori indicano che anche l’economia dei paesi dell’Europa meridionale è in fase di ripresa, mentre la scissione del Vecchio continente tra un nord stabile e un sud debole sta lentamente scomparendo”. 
Secondo il Financial Times i dati mostrano “l’inaspettata resilienza” dell’Ue alla crescita lenta della Cina, un importatore chiave per la Germania. Il quotidiano sottolinea che 

i dati rendono più probabile l’eventualità che la Banca centrale europea mantenga il suo orientamento. Questo mese la Bce ha adottato la sua prima “forward guidance” (la promessa di mantenere basso il livello dei tassi) e ha fatto sapere di essere pronta a tagliarli ulteriormente se i dati economici dovessero peggiorare. 
Tuttavia Les Echos sottolinea che “le agenzie di rating non hanno ancora smesso di punire l’eurozona”. Il quotidiano economico francese precisa che 
il rating di 14 paesi dell’eurozona su 17 è orientato al ribasso da almeno una delle agenzie. Il Belgio, l’Italia e la Spagna sono i candidati più probabili al prossimo declassamento. […] Da un giorno all’altro Moody’s e S&P potrebbero inserire il debito spagnolo nella categoria speculativa, innescando il ritiro degli investitori. 

Il meglio del giornalismo europeo, ogni giovedì, nella tua casella di posta

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento