Dati alla mano Verso la Brexit | Accordi commerciali

La “Global Britain” fatica a decollare

I pochi accordi commerciali che il governo britannico ha finora concluso con i paesi extracomunitari compenseranno solo in piccola parte le perdite dovute all’uscita dal mercato europeo causate dalla Brexit.

Pubblicato il 20 Novembre 2020 alle 11:18

Secondo il partito conservatore, al potere a Londra, uno dei presunti vantaggi della Brexit consiste in una maggiore apertura del Regno Unito al mondo, e questo grazie a  nuovi accordi di libero scambio con paesi al di fuori dell'Unione europea. 

A pochi mesi dalla fatidica data  — il periodo di transizione dopo il quale l'uscita del Regno Unito sarà effettiva terminerà il 31 dicembre — e mentre la firma di un accordo tra Londra e Bruxelles sembra scivolare via via, è comunque chiaro che i sogni di "Global Britain" formulati da Boris Johnson sono ben lungi dal diventare realtà. I pochi accordi raggiunti finora dal governo britannico compenseranno solo marginalmente la perdita del mercato europeo. 

A fine ottobre c’è stato molto clamore per il primo grande accordo di libero scambio tra il Regno Unito e il Giappone, la cui entrata in vigore è prevista per il 1° gennaio 2021. 

"Il Giappone aveva più volte fatto sapere che per continuare a commerciare con gli inglesi sarebbe stato necessario un accordo tra Londra e Bruxelles. In questo senso un accordo di questo tipo è una grande vittoria per il Governo britannico”, ammette Catherine Mathieu, economista dell'OFCE, l’Osservatorio francese delle congiunture economiche. Va detto però che da un punto di vista economico, questo accordo riproduce soprattutto le condizioni alle quali il Regno Unito potrebbe già commerciare con il Giappone essendo nell'Unione europea:"Non va molto oltre”, continua  Catherine Mathieu, “ma potrebbe a lungo termine facilitare la partecipazione del Regno Unito all'accordo di partenariato trans-pacifico”.

Newsletter in italiano

Per il resto, il Regno Unito ha finora firmato 22 accordi commerciali con circa 50 paesi tra cui Svizzera, Cile e Corea del Sud, ma questi, in totale,  rappresenteranno solo il 7,8% delle sue esportazioni nel 2019, scrive il Crédit Agricole in una recente nota. Sono in corso discussioni per stabilire accordi con altri 16 Paesi, tra cui Canada, Messico e Turchia, ma che rappresentano solo una piccola percentuale delle esportazioni britanniche (6,8%) rispetto al peso dell'Unione europea (46%). 

Per quanto riguarda gli Stati Uniti, il principale partner commerciale della Gran Bretagna dopo l'Unione, ha firmato un cosiddetto accordo di "mutuo riconoscimento" con Londra, così come la Nuova Zelanda e l'Australia. Per entrambi i firmatari equivale a riconoscere la conformità ai propri standard di un certo numero di prodotti del paese partner per liberarsi dalle batterie di controlli o test che sarebbero altrimenti necessari al momento dell'attraversamento delle frontiere. 

Ancora una volta, su questo punto, Londra si limita a replicare in termini generali l'accordo di mutuo riconoscimento già letto dall'Unione europea e dagli Stati Uniti. "Riguarda solo quattro o cinque tipi di beni, tra cui le apparecchiature per le telecomunicazioni e i prodotti farmaceutici", spiega Mathieu. 

Scommessa rischiosa

L'obiettivo? Per evitare che tutti questi prodotti perdano improvvisamente la loro certificazione per entrare e uscire dal Regno Unito durante la notte, a partire dal 1° gennaio. A lungo tempo nutrita da Boris Johnson, la speranza di fare un ulteriore passo avanti e di concludere un accordo di libero scambio con gli americani è stata per il momento delusa dal desiderio di Donald Trump di integrare l'accesso privilegiato al mercato alimentare e al servizio sanitario britannico. Anche se le discussioni dovessero riprendere su questo argomento, il Regno Unito non è in una posizione di forza. 

Riproducendo tutti gli accordi a cui la sua appartenenza all'Unione le ha dato accesso a pieno titolo, Londra limita quindi i danni, ma non apre nuove opportunità commerciali che potrebbero trasformare in realtà il sogno conservatore di un Regno Unito globalizzato. Concentrandosi su questi accordi commerciali a scapito della firma di un accordo con Bruxelles, il Regno Unito sta facendo una scommessa rischiosa.

Infatti, sottolinea il dipartimento di analisi economica del Crédit Agricole, "è molto improbabile che il Regno Unito sia in grado di compensare la perdita di benefici derivanti dall'adesione all'Ue attraverso accordi commerciali con altri paesi". Boris Johnson, il cui mantra è quello di realizzare Brexit con o senza accordo con l'Unione, sembra sottovalutare i benefici che il suo Paese ha tratto dal mercato unico che, come ha spiegato l'economista Vincent Vicard all'inizio dei negoziati, "crea un commercio tra i Paesi membri tre volte maggiore di quello che si realizzerebbe tramite un accordo commerciale tradizionale".

Questo articolo è pubblicato in collaborazione con lo European Data Journalism Network.

Categorie

Ti è piaciuto questo articolo? Ci fa piacere! È in libero accesso perché per noi il diritto a un’informazione libera e indipendente è essenziale per la democrazia. Ma questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha un costo. Abbiamo bisogno del tuo sostegno per continuare a pubblicare degli articoli in diverse lingue e in totale indipendenza per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di membership e i loro vantaggi esclusivi, ed entra a far parte sin da ora della community di Voxeurop!

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di traduzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento