“L’Audiencia nacional innesca una crisi diplomatica con la Cina”

Pubblicato il 22 Novembre 2013 alle 11:34

Cover

Il 19 novembre la decisione dell’Alta corte spagnola di emettere un mandato d’arresto per l’ex presidente Jiang Zemin, 87 anni, e per altri quattro alti funzionari cinesi “per le presunte responsabilità nel genocidio del popolo tibetano” ha innescato “un improvviso e sgradevole scontro diplomatico con il paese che secondo Madrid potrebbe diventare un nuovo Eldorado asiatico per le compagnie spagnole”, scrive El País.
Il tribunale ha basato la sua decisione sul principio della giurisdizione universale della giustizia spagnola per i crimini che coinvolgono i cittadini della corona anche quando si trovano lontani dalla patria. La Cina ha espresso “forte disappunto” per la vicenda e ha convocato l’ambasciatore spagnolo a Pechino per incontrarsi con alcuni funzionari del governo cinese.
La sentenza del tribunale segue l’esposto presentato nel 2006 da un’organizzazione tibetana per i diritti umani e dal cittadino spagnolo Sherpa Thubten Wangchen contro le azioni del governo cinese in Tibet dopo l’invasione del 1950.

Ti è piaciuto questo articolo? Noi siamo molto felici. È a disposizione di tutti i nostri lettori, poiché riteniamo che il diritto a un’informazione libera e indipendente sia essenziale per la democrazia. Tuttavia, questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha il suo prezzo. Abbiamo bisogno del tuo supporto per continuare a pubblicare le nostre notizie indipendenti e multilingue per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di abbonamento e i loro vantaggi esclusivi e diventa subito membro della nostra community!

Sei un media, un'azienda o un'organizzazione? Dai un'occhiata ai nostri servizi di traduzione ed editoriale multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di una stampa indipendente. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti a noi!

Sullo stesso argomento