The Independent, 17 novembre 2009,

Le confessioni del caporale Payne

Pubblicato il 17 Novembre 2009 alle 14:40
The Independent, 17 novembre 2009,

Cover

Ancora una volta l’opinione pubblica britannica è rimasta scossa dalla notizia che "i suoi ragazzi” sarebbero colpevoli di disdicevoli episodi all’estero. L’Independent pubblica la testimonianza di un soldato dell’esercito britannico che ha accusato un superiore e i suoi ex commilitoni di aver picchiato e torturato alcuni prigionieri iracheni. Durante un’inchiesta sulla morte del civile iracheno Baha Mousa, avvenuta nel settembre 2003, l’ex caporale Donald Payne aveva cambiato la sua deposizione e affermato che insieme ad alcuni commilitoni aveva agito “per vendetta”, in seguito alla morte di quattro soldati nel sud dell’Iraq. Oggetto della loro vendetta erano stati nove iracheni catturati e ripetutamente “presi a calci e picchiati”, riferisce il quotidiano londinese, che informa che Baha Mousa è morto per “asfissia e 93 ferite e fratture distinte”. Payne sostiene di aver cercato di nascondere l’entità dei maltrattamenti per un “senso di lealtà mal consigliato”. In precedenza, invece, aveva affermato di aver dato soltanto qualche “schiaffo” ai prigionieri.

Ti è piaciuto questo articolo? Ci fa piacere! È in libero accesso perché per noi il diritto a un’informazione libera e indipendente è essenziale per la democrazia. Ma questo diritto non è garantito per sempre e l’indipendenza ha un costo. Abbiamo bisogno del tuo sostegno per continuare a pubblicare degli articoli in diverse lingue e in totale indipendenza per tutti gli europei. Scopri le nostre offerte di membership e i loro vantaggi esclusivi, ed entra a far parte sin da ora della community di Voxeurop!

Sei un mezzo d'informazione, un'impresa o un'organizzazione? Scopri le nostre offerte di servizi editoriali su misura e di traduzione multilingue.

Sostieni il giornalismo europeo indipendente

La democrazia europea ha bisogno di mezzi d'informazione indipendenti. Voxeurop ha bisogno di te. Unisciti alla nostra comunità!

Sullo stesso argomento